Olio e gas

Eagle Ford Shale



La frattura idraulica e la perforazione orizzontale hanno reso Eagle Ford e diverse unità rocciose associateuno degli obiettivi più prolifici per la produzione di petrolio negli Stati Uniti.

Eagle Ford Shale: Questa è un'immagine di "luci notturne" del sud-est del Texas dal satellite Suomi della NASA. I punti più luminosi in questa immagine sono le città di Austin, San Antonio, Houston, Corpus Christi e Laredo. La dispersione di luci a forma di mezzaluna a sud di San Antonio è l'area in cui l'aquila Ford Shale viene pesantemente perforata. La luce notturna vi è una combinazione di illuminazione elettrica dei cuscinetti di perforazione e svasatura di gas naturale in alcuni siti di perforazione. Il flaring è la pratica di bruciare gas naturale nei siti dei pozzi quando non sono disponibili condotte per trasportare il gas sul mercato. Immagine dalla nostra collezione "Campi petroliferi e di gas di notte".

Mappa dell'aquila Ford Shale Oil and Gas Play: L'area verde su questa mappa segna l'estensione geografica dell'attività di perforazione nel gioco del gas naturale e del petrolio di Eagle Ford Shale. I pozzi perforati all'interno di quest'area mediante perforazione orizzontale e fratturazione idraulica hanno generalmente avuto successo.

Cos'è Eagle Ford Shale?

Eagle Ford Shale (noto anche come Eagle Ford Formation) è uno scisto calcareo nero con un alto contenuto di carbonio organico che è alla base di gran parte del Texas sud-orientale. In alcune parti dell'area oggetto dell'aquila Ford Shale, il calore e la pressione hanno convertito materiale organico all'interno dello scisto in petrolio e gas naturale. Tra il 2008 e oggi, l'aquila Ford Shale è diventata una delle unità rock più pesantemente perforate negli Stati Uniti. L'area con perforazione attiva è mostrata in verde sulla mappa di accompagnamento.

Sezione stratigrafica generalizzata: Questa illustrazione mostra le unità geologiche nel sottosuolo della regione della costa del Golfo del Texas. La formazione dell'Aquila Ford è tardiva nel Cretaceo ed è mostrata in questa sezione con i suoi equivalenti laterali, la Formazione di Woodbine e il Gruppo Tuscaloosa. Immagine dell'indagine geologica degli Stati Uniti.

Aggiornamento: Zone di pagamento in pila


Sebbene Eagle Ford Shale sia uno sviluppo relativamente recente, le unità rocciose sopra e sotto Eagle Ford Shale hanno una lunga storia di interesse per petrolio e gas. Petrolio e gas sono stati prodotti sopra la Ford Ford dalla Olmos Formation e dalla Austin Chalk. Sotto la Ford Eagle, la produzione è stata prodotta dalla Buda Limestone, dalla Edwards Limestone e dalla Pearsall Shale. Queste unità di roccia sono mostrate nella colonna stratigrafica in questa pagina.
Oggi, i trapani stanno iniziando a usare la perforazione orizzontale e / o la fratturazione idraulica per toccare queste unità di roccia. Alcuni pozzi perforati di recente in Buda Lime e Austin Chalk producono oltre 1000 barili di petrolio al giorno.
Le zone di produzione accatastate in un'unica posizione offrono enormi risparmi economici. L'olio può essere prodotto da più unità rocciose utilizzando la stessa piattaforma di perforazione, le strade di accesso e i sistemi di raccolta dell'olio. Tutta questa produzione concentrata nella stessa area rende anche le tubazioni più redditizie.

Produzione di gas di scisto secco negli Stati Uniti: Il grafico sopra mostra la crescita della produzione di gas di scisto secco negli Stati Uniti, codificata a colori per unità di roccia, dall'anno solare 2005. Eagle Ford Shale è mostrato in azzurro.

Storia del petrolio e del gas naturale

L'aquila Ford ha ricevuto pochissima attenzione dalle compagnie petrolifere e del gas prima del 2008. Era noto per contenere quantità significative di idrocarburi e si pensava che fosse la roccia di origine per gran parte del petrolio e del gas naturale prodotti dalle unità di roccia sopra di essa come il Austin Chalk. Tuttavia, la stessa Ford Ford non era nota come produttore di petrolio o gas naturale. L'unità di roccia aveva una permeabilità così bassa che petrolio e gas naturale non potevano fluire attraverso la roccia in un pozzo di produzione.

Questo è cambiato nel 2008 quando Petrohawk ha perforato un pozzo di Eagle Ford nella contea di La Salle che aveva una portata iniziale di 7,6 milioni di piedi cubi di gas naturale al giorno. Ciò ha dimostrato che la fratturazione idraulica e la perforazione orizzontale potrebbero essere utilizzate per produrre gas dall'aquila Ford Shale. Queste erano le stesse tecniche utilizzate da Mitchell Energy per sviluppare Barnett Shale nel bacino di Fort Worth.

Dopo il successo di Petrohawk, le compagnie di perforazione iniziarono a utilizzare la fratturazione idraulica per indurre fratture nell'aquila Ford Shale in molte località. Le fratture facilitano il flusso di gas naturale e petrolio dalla roccia e nel pozzo. Le aziende usano anche la perforazione orizzontale nei loro pozzi di sviluppo. Con questo metodo perforano un pozzo verticale fino all'unità rocciosa, guidano il pozzo in orizzontale e forano una "zona di pagamento" lunga fino a due miglia attraverso l'alta porzione organica della formazione rocciosa. La gamba orizzontale viene quindi stimolata con fratture idrauliche. Questa combinazione ha sbloccato il potenziale di Eagle Ford Shale. I pozzi sviluppati con perforazione orizzontale e fratturazione idraulica di solito producono molto più petrolio e gas rispetto a un pozzo verticale standard che penetra solo poche centinaia di piedi di zona di pagamento.

I primi pozzi della formazione Ford Eagle furono così produttivi che le attività di leasing e perforazione procedettero a un ritmo molto rapido. Ciò ha attirato un'enorme quantità di attenzione da parte dei media tra il 2008 e il 2010, dato che i proprietari terrieri erano in leasing per i diritti sui minerali, le società di perforazione richiedevano permessi e la produzione di petrolio e gas stava aumentando rapidamente. L'Aquila Ford Shale divenne molto rapidamente una delle unità di roccia più pesantemente perforate negli Stati Uniti.

Di seguito sono riportati i grafici dei permessi di perforazione rilasciati, produzione di petrolio, produzione di gas naturale e produzione di condensa.

Eagle Ford Shale Oil Production: Questo grafico illustra la produzione media di petrolio dall'aquila Ford Shale in barili al giorno. Prima del 2010, l'attenzione alla produzione per Eagle Ford era il gas naturale. Quindi, mentre l'attenzione si spostava sulla porzione di petrolio più redditizia del gioco, il tasso di produzione di petrolio è esploso. Grafico preparato utilizzando i dati della Texas Railroad Commission.

Permessi di perforazione Eagle Ford Shale rilasciati per anno civile: L'attività dei permessi di perforazione è esplosa nel 2010, con oltre 1000 permessi rilasciati per la formazione Ford Ford. Il numero di permessi rilasciati all'anno è aumentato notevolmente fino al 2015. Grafico preparato utilizzando i dati della Texas Railroad Commission.

Eagle Ford Shale Condensate Production: Questo grafico illustra la produzione giornaliera media di condensa dall'aquila Ford Shale in barili al giorno. Grafico preparato utilizzando i dati della Texas Railroad Commission.

Produzione di gas naturale Eagle Ford Shale: Questo grafico illustra la produzione media di gas naturale dall'aquila Ford Shale in milioni di piedi cubi al giorno. Prima del 2008, dall'unità rock veniva prodotto pochissimo gas. Quindi, nel 2010, il tasso di produzione ha iniziato ad aumentare rapidamente. Grafico preparato utilizzando i dati della Texas Railroad Commission.

Microfotografia di Eagle Ford Shale: Questa è una fotografia dell'Aquila Ford Shale presa attraverso un microscopio a luce riflessa. Presenta una matrice di argilla scura e macchiata organicamente con quantità significative di bitume solido, minerali carbonatici e pirite. Foto del USGS Organic Petrology Laboratory.

Petrologia dell'aquila Ford Shale

Come con la maggior parte delle rocce di estensione regionale, l'aquila Ford Shale ha una grande varietà di personaggi. Nella zona in cui è produttivo, la Ford Ford è tipicamente uno scisto laminato, nero, calcareo, ricco di organici con una permeabilità molto bassa. Si pensa che questa parte della Ford Eagle sia stata depositata in acque marine a bassa energia che erano abbastanza lontane dalla costa e abbastanza profonde da evitare il disturbo delle onde.

La natura nera e organica dello scisto, insieme al suo alto grado di laminazione, suggerisce acque anossiche che proteggono il materiale organico dalla decomposizione e le laminazioni dalla bioturbazione. Il suo colore scuro è attribuito al suo contenuto organico. Laddove il suo contenuto di carbonato è elevato, lo scisto può essere relativamente fragile. Questa fragile natura è probabilmente responsabile della risposta positiva dello scisto alla frattura idraulica.

Mappa della struttura dello scisto aquila Ford: L'area di affioramento dell'aquila Ford Shale è mostrata in nero sulla mappa sopra. Questa unità rocciosa si tuffa verso sud-est e diventa più profonda man mano che si avvicina al Golfo del Messico. Questa crescente profondità di sepoltura ha esposto lo scisto al calore e alla pressione che ha fatto maturare il materiale organico nello scisto in petrolio e gas naturale. La potenziale area di perforazione dell'Aquila Ford Shale è mostrata in verde sopra insieme alla profondità della formazione in piedi sotto il livello del mare. Mappa preparata utilizzando i dati dell'Energy Information Administration degli Stati Uniti.

Pozzi di produzione di petrolio e gas Eagle Eagle produttivi: Questa mappa mostra le zone di idrocarburi all'interno dell'area di perforazione di Eagle Ford Shale. Le aree verdi sono dove la produzione di pozzi è stata in genere limitata al gas naturale. I pozzi nell'area gialla in genere producono sia petrolio che gas. I pozzi nelle aree rosse producono in genere petrolio. Mappa preparata utilizzando i dati dell'Energy Information Administration.

Eagle Ford Shale Struttura e spessore

Eagle Ford Shale è cretaceo in età. Nella sua area produttiva varia da 50 a 400 piedi di spessore e si verifica nel sottosuolo del Texas sotto il gesso di Austin e sopra il calcare di Buda. In altre aree la Ford Ford può avere uno spessore di oltre 1000 piedi.

Tra l'area affiorante e il Golfo del Messico, l'aquila Ford Shale si tuffa ripidamente nel sottosuolo e raggiunge profondità di oltre 14.000 piedi sotto il livello del mare. La maggior parte della produzione attuale proviene da aree in cui la Ford Ford si trova tra i 4000 piedi sotto il livello del mare e 14.000 piedi sotto il livello del mare. (Vedi la sezione trasversale generalizzata di seguito e una mappa dei contorni della struttura in questa pagina.)

La presenza di petrolio e produzione di gas naturale all'interno dell'aquila Ford Shale è legata alla profondità della sepoltura. A profondità di circa 4000 piedi, lo scisto è stato esposto a calore e pressione sufficienti per convertire parte del materiale organico in olio. A profondità maggiori si forma gas naturale. A profondità superiori a circa 14.000 piedi, il calore e la pressione sono abbastanza grandi da aver distrutto petrolio e gas naturale. Questo spiega la distribuzione geografica della produzione di petrolio e gas naturale mostrata nella mappa.

Sezione trasversale generalizzata di Eagle Ford Shale: Il diagramma sopra mostra come Eagle Ford Shale si immerge ripidamente nel sottosuolo tra il suo affioramento (posizione A) e il bordo sud-occidentale del gioco (posizione B).

Riferimenti di Eagle Ford Shale
Pagina di informazioni di Eagle Ford Shale: Commissione Texas Railroad.
Eagle Ford Shale Play Map: Gestione delle informazioni energetiche.
Valutazione delle risorse di petrolio e gas sconosciute negli strati giurassici e cretacei della costa del Golfo, 2010: Russell F. Dubiel, Peter D. Warwick, Sharon Swanson e altri, scheda informativa sulle indagini geologiche degli Stati Uniti 2011-3020.
Foratura oltre l'aquila Ford Shale: Articolo del sito Web su FuelFix.com.
Materiali organici in scisto: Atlante per fotomicrografia degli Stati Uniti Geological Survey.

Le nuove tecnologie sono in fase di sviluppo

Eagle Ford Shale e le relative unità rocciose sono rapidamente diventate una delle aree petrolifere e di gas di maggior successo degli Stati Uniti. Le tecnologie necessarie per sviluppare la produzione dai calcari sono diverse da quelle necessarie per sviluppare gli scisti. Questi metodi vengono perfezionati e dovrebbero diventare più efficienti e produttivi man mano che i trapani acquisiscono esperienza. L'attenzione si concentra ora sull'Aquila Ford, ma queste altre unità rock saranno lì quando l'Aquila Ford inizierà a esaurirsi o quando le nuove tecnologie saranno pronte.

Luci Eagle Ford: Una vista ingrandita dell'immagine satellitare visualizzata nella parte superiore di questo articolo. L'impronta dell'attività di perforazione nella tendenza del petrolio e del gas di Eagle Ford nel 2012 è chiaramente definita come un arco di luce a nord di Laredo ea sud di San Antonio. Nota come termina la tendenza della luce al confine tra Texas e Messico.

Una bonanza di petrolio e gas per il Messico?

L'immagine satellitare di accompagnamento dell'illuminazione elettrica notturna e del flaring mostra efficacemente come l'impronta dell'attività di perforazione di Eagle Ford si è interrotta bruscamente al confine tra Texas e Messico tra aprile e ottobre 2012 - l'intervallo di tempo durante il quale i dati per produrre l'immagine erano acquisite. Le rocce della formazione di Eagle Ford non onorano questo confine: si estendono in Messico e hanno un alto potenziale di sviluppo.

Lo sviluppo di petrolio e gas è terminato al confine internazionale nel 2012 perché a quel tempo il Messico non aveva la tecnologia o il supporto finanziario per sviluppare la risorsa. L'US Energy Information Administration riferisce che Eagle Ford è il miglior gioco di scisti documentato in Messico. Le unità rocciose nel nord del Messico contengono circa 343 trilioni di piedi cubi di gas naturale e 6,3 miliardi di barili di petrolio. Il Messico ha numerosi altri potenziali giochi di petrolio e gas nello scisto.

Guarda il video: Shale oil production in South Texas: Tom Tunstall at TEDxSanAntonio 2013 (Giugno 2020).