Vulcani

Monte Vesuvio - Italia



Immagine del Vesuvio e della baia di Napoli

Un panorama del Golfo di Napoli, in Italia, che mostra l'alta densità di popolazione e il commercio. Mt. Il Vesuvio riposa tranquillamente sullo sfondo.

Introduzione al Vesuvio

Il Vesuvio è l'unico vulcano attivo nell'Europa continentale e ha prodotto alcune delle più grandi eruzioni vulcaniche del continente. Situato sulla costa occidentale dell'Italia, si affaccia sulla baia e sulla città di Napoli e si trova nel cratere dell'antico vulcano Somma. Il Vesuvio è famoso soprattutto per l'eruzione del 79 d.C. che distrusse le città romane di Pompei ed Ercolano. Sebbene l'ultima eruzione del vulcano sia avvenuta nel 1944, rappresenta ancora un grande pericolo per le città che lo circondano, in particolare la vivace metropoli di Napoli.

Sezione tettonica delle placche semplificata

Sezione tettonica delle placche semplificata che mostra come il Vesuvio si trova sopra una zona di subduzione formata dove la placca africana scende sotto l'Italia. Il magma prodotto dalla fusione della piastra africana crea i grandi vulcani violentemente esplosivi della penisola italiana.

Mappa: Dov'è il Vesuvio?

Mappa che mostra la posizione del Vesuvio sulla costa occidentale dell'Italia. Map by e MapResources. Vulcani vicini: Etna, Stromboli

Monte Vesuvio: impostazione tettonica a placche

Il Vesuvio fa parte dell'arco vulcanico campano, una linea di vulcani che si sono formati su una zona di subduzione creata dalla convergenza delle placche africana ed eurasiatica. Questa zona di subduzione si estende per la lunghezza della penisola italiana ed è anche la fonte di altri vulcani come l'Etna, i Campi Flegrei (Campi Flegrei), Vulcano e Stromboli. Sotto il Vesuvio, la parte inferiore della lastra del subdotto si è strappata e staccata dalla parte superiore per formare quella che viene chiamata "finestra della lastra". Questo rende le rocce del Vesuvio leggermente diverse chimicamente dalle rocce eruttate dagli altri vulcani campani.

Calchi in gesso: vittime dell'eruzione del 79 d.C.

Calco in gesso di persone che sono morte nella città di Pompei durante l'eruzione del 79 d.C. sul Vesuvio. Sono stati sepolti dal ashfall. Immagine: Giardino dei fuggitivi. Questa foto è stata scattata da Lancevortex ed è distribuita sotto licenza GNU Free Documentation.

Geologia e pericoli del Vesuvio

Il cono noto come Monte Vesuvio iniziò a crescere nella caldera del vulcano Monte Somma, che è scoppiato l'ultima volta circa 17000 anni fa. La maggior parte delle rocce eruttate dal Vesuvio sono andesite, una roccia vulcanica intermedia (circa il 53-63% di silice). La lava andesite crea eruzioni esplosive su una varietà di squame, il che rende il Vesuvio un vulcano particolarmente pericoloso e imprevedibile. Eruzioni stromboliane (esplosioni di magma da una pozza nel condotto del vulcano) e flussi di lava dalla cima e fessure sul fianco sono relativamente piccole. Le eruzioni pliniane (enormi esplosioni che creano colonne di gas, ceneri e rocce che possono sollevare nell'atmosfera decine di chilometri) hanno una portata molto maggiore e hanno distrutto intere città antiche vicino al Vesuvio con enormi ceneri e flussi piroclastici. Il Vesuvio è attualmente silenzioso, con solo lievi attività sismiche (terremoto) e degassamento da fumarole nel suo cratere sommitale, ma in futuro potrebbero riprendere attività più violente.

Rovine dell'antica città di Pompei

Colonne di mattoni si trovano tra le rovine dell'antica città di Pompei.

Eruzione del Vesuvio (1944)

Una veduta di Napoli al culmine dell'eruzione del Vesuvio nel 1944. Una fotografia di Melvin C. Shaffer usata con il permesso delle Collezioni digitali CUL dell'Università Metodista Meridionale.

Lo sapevate?
L'eruzione del Vesuvio del 79 d.C. è il motivo per cui i vulcanologi usano "Pliniano" per descrivere le grandi nuvole di eruzione vulcanica. Plinio il Giovane, uno storico romano che fu testimone dell'eruzione del 79 d.C., scrisse la più antica descrizione sopravvissuta dell'alta nuvola a forma di albero che sorgeva sopra il vulcano. I vulcanologi moderni usano il termine per descrivere eruzioni violente di grande volume che producono nuvole di roccia, cenere e gas in rapida espansione che si innalzano per molte miglia nell'atmosfera. Alcuni esempi più recenti di eruzioni pliniane includono il Monte Sant'Elena nel 1980 e il Pinatubo nel 1990. Ecco la descrizione di Plinio ...
"Il 24 agosto, nel primo pomeriggio, mia madre ha attirato l'attenzione di mio zio su una nuvola di dimensioni e aspetto insoliti. Il suo aspetto generale può essere espresso al meglio come un pino ombrellone, poiché è salito a grande altezza su una sorta di tronco e poi diviso in rami, immagino perché fu spinto verso l'alto dal primo scoppio e poi lasciato non supportato quando la pressione diminuì, oppure era sostenuto dal suo stesso peso in modo che si espandesse e si disperdesse gradualmente. bianco, a volte macchiato e sporco, a seconda della quantità di terreno e ceneri che portava con sé ".

Monte Vesuvio: storia dell'eruzione

Il Vesuvio ha subito otto grandi eruzioni negli ultimi 17.000 anni. L'eruzione del 79 d.C. è una delle eruzioni antiche più conosciute al mondo e potrebbe aver ucciso oltre 16.000 persone. Ceneri, fango e rocce di questa eruzione seppellirono le città di Pompei ed Ercolano. Pompei è famosa per i calchi formati dalla cenere calda attorno alle vittime delle eruzioni. Le persone sfortunate soffocarono sulla cenere nell'aria, che poi le coprì e conservò incredibili dettagli dei loro vestiti e dei loro volti.

Informazioni sul Vesuvio

Posizione:Costa occidentale d'Italia
Coordinate:40 ° 49 'N 14 ° 26' E
Elevazione:1.281 m (4.000 piedi)
Tipo di vulcano:Complesso
Ultima eruzione:1944
Vulcani vicini:Etna Stromboli

A partire dal 1631, il Vesuvio entrò in un periodo di costante attività vulcanica, tra cui flussi di lava ed eruzioni di cenere e fango. Le eruzioni violente alla fine del 1700, 1800 e inizi 1900 hanno creato più fessure, flussi di lava ed esplosioni di cenere e gas. Questi danneggiarono o distrussero molte città intorno al vulcano e talvolta uccisero persone; l'eruzione del 1906 ebbe più di 100 vittime. L'eruzione più recente risale al 1944 durante la seconda guerra mondiale. Ha causato gravi problemi alle forze alleate appena arrivate in Italia quando ceneri e rocce dell'eruzione hanno distrutto aerei e costretto a evacuare presso una base aerea vicina.

Ulteriori informazioni sul Vesuvio
Sito Web del programma di vulcanismo globale della Smithsonian Institution: pagina del Vesuvio.
Gates, A.E. e Ritchie, D., 2007, Encyclopedia of Earthquakes and Volcanoes, Third Edition: New York, NY, Checkmark Books, 346 p.
Osservatorio Vesuviano (Osservatorio Vesuvio), Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.
Wortel, M.J.R. e Spakman, W., 2000, subduzione e distacco di lastre nella regione mediterraneo-carpatica: Science, v. 290, n. 5498, pag. 1910-1917. Revisione (testo completo su abbonamento).
Le lettere di Plinio il Giovane, Penguin Classics (tradotto da Betty Radice).

Circa l'autore

Jessica Ball è una studentessa laureata presso il Dipartimento di Geologia della State University di New York a Buffalo. La sua concentrazione è in vulcanologia e attualmente sta studiando il collasso della cupola di lava e i flussi piroclastici. Jessica si è laureata in scienze presso il College of William and Mary e ha lavorato per un anno presso l'American Geological Institute nel programma Education / Outreach. Scrive anche il blog Magma Cum Laude, e in quanto tempo libero le resta, le piace arrampicare su roccia e suonare vari strumenti a corda.

Guarda il video: IL VESUVIO e POMPEI - L' ERUZIONE DEL 79 . ---- POMPEII AND VESUVIUS - ERUPTION OF AD 79 - (Giugno 2020).