Vulcani

Vulcano Santa Maria - Guatemala



Complesso di cupola lavica di Santiaguito


Immagine di Santa Maria Volcano

Vulcano Santa María con il complesso della cupola di lava del Santiaguito in primo piano. La cupola in eruzione è El Caliente ("quella calda").

Vulcano Santa Maria: Introduzione

Santa María, uno stratovulcano negli altopiani vulcanici del sud-ovest del Guatemala, è il sito di una delle più grandi eruzioni del XX secolo. È anche la casa di Santiaguito, uno dei complessi di cupola di lava più attivi al mondo. Il gruppo di quattro cupole di lava si formò ai piedi di Santa María venti anni dopo la devastante eruzione del vulcano del 1902, e le cupole sono cresciute da allora. La cupola attualmente attiva, El Caliente, è il luogo di regolari esplosioni di cenere e gas, e questa attività minore ma persistente ha attirato molti turisti per intravedere esplosioni siliciche esplosive.

Sezione tettonica delle placche semplificata

Sezione tettonica delle placche semplificata che mostra come si trova il vulcano Santa Maria sopra una zona di subduzione formata dove si scontrano le placche Cocos e Caraibi.

Mappa: Dov'è il vulcano Santa Maria?

Mappa che mostra la posizione del vulcano Santa Maria nel sud-ovest del Guatemala. Map by e MapResources.

America Centrale: Mappa della tettonica a zolle

Mappa tettonica delle placche per l'America centrale che mostra la convergenza delle placche Cocos e Caraibi responsabili del vulcanismo centroamericano. Le linee rosse sono i confini della piastra. Le frecce mostrano direzioni generalizzate del movimento della placca. Map by e MapResources.

Vulcano Santa Maria: impostazione tettonica a placche

Santa María si trova negli altopiani vulcanici del Guatemala, paralleli alla costa del Pacifico del paese. Gli altopiani sono stati formati dalla subduzione della piastra Cocos sotto la piastra caraibica, che ha portato alla formazione di una linea di strati vulcano che si estende lungo gran parte della costa del Pacifico dell'America centrale. In Guatemala, questi vulcani sovrastano uno scantinato di carbonato e rocce ignee e metamorfiche; molti xenoliti (frammenti di roccia "estranea") trovati nelle lavhe eruttate dagli strativulcano sono composti da calcare, granito e gneiss.

Complesso di cupola lavica di Santiaguito

Cupole di lava El Monje, La Mitad ed El Caliente viste dalla cupola di El Brujo. Le pendici di El Caliente sono setacciate da cascate e flussi piroclastici, ma le cupole inattive a ovest sono coperte da una vegetazione lussureggiante.

Pomice e strato di lava dall'eruzione del 1902

Un deposito spesso di alcuni metri di pomice e frammenti di lava dell'eruzione del 1902 è sovrastato da flussi di fango ancora più spessi in questo canale fluviale a sud di Santiaguito. I grandi massi nel fiume sono stati depositati lì da recenti lahar, che rappresentano un pericolo continuo per le numerose fattorie e piantagioni sotto il vulcano.

Geologia e pericoli del vulcano Santa Maria

Santa María è uno stratovulcano andesitico di circa 30.000 anni, costruito su un seminterrato di rocce più antiche formate da antiche eruzioni vulcaniche. Il cratere di 0,5 km3 (0,1 mi3) nel fianco sud del vulcano espone una sequenza spettacolare di flussi piroclastici e lavici alternati e depositi di lahar. Il cratere fu formato da una massiccia eruzione pliniana nel 1902.

Dopo l'eruzione del 1902, le dacite cupole laviche di Santiaguito iniziarono a formarsi nel cratere. Da allora il complesso della cupola è cresciuto fino a includere quattro cupole per un totale di oltre 1 km3 (0,25 mi3) di materiale. Le cupole si innalzano per oltre 500 metri (1.600 piedi) sopra la base dello stratovulcano.

Informazioni sul vulcano Santa Maria

Posizione:Guatemala
Coordinate:10.463oN, 91.552oW
Elevazione:3.772 m (12.375 piedi)
Tipo di vulcano:stratovulcano
Ultima eruzione:in corso

Mentre il cono principale di Santa María non è più attivo, le cupole di Santiaguito hanno creato una serie di pericoli vulcanici dall'inizio della loro crescita. La terra intorno al vulcano è stata utilizzata per secoli per l'agricoltura, in particolare le piantagioni di caffè, il che mette le persone che vivono e lavorano lì in continuo pericolo. Le città di El Palmar e San Felipe - che si trovano direttamente a sud delle cupole - e la città di Quetzaltenango a nord di Santa María, sono diversi luoghi che spesso devono affrontare i pericoli del vulcano.

La maggior parte delle cupole sono state costruite per estrusione di flussi di lava e spine, ma la lava dacite è così viscosa da non costituire un pericolo immediato per l'eruzione. Collassi delle spine, punte delle colate laviche o porzioni più grandi delle cupole stesse possono, tuttavia, creare pericolosi flussi piroclastici; anche il collasso del materiale nelle colonne eruttive formate da esplosioni di cenere e gas può creare flussi piroclastici.

Le ceneri alla deriva dalle eruzioni spesso atterrano nelle città vicino al vulcano e possono causare condizioni di respirazione pericolose e danni alle colture. Infine, i lahar (fanghi vulcanici) sono un pericolo particolarmente comune nei corsi d'acqua e nei fiumi sotto le cupole, poiché questa zona del Guatemala vive un'intensa stagione delle piogge estive. L'acqua che cade sulle pendici di Santa María e sulle cupole si mescola facilmente con cenere e roccia sciolte e lava rapidamente in discesa, soffocando i fiumi sottostanti con fango e massi. La città originale di El Palmar fu distrutta dai lahar negli anni '80 e la nuova città poteva ancora essere minacciata da futuri flussi di fango.

Primo piano di eruzione di cenere e gas di El Caliente

Primo piano di un'eruzione di cenere e gas dalla cima di El Caliente. La cupola tende a esplodere in questo modo ogni poche ore, rendendolo uno dei posti migliori per vedere in sicurezza un'eruzione vulcanica esplosiva.

Strati di eruzione di Santa Maria

Dalla base delle cupole, gli strati alternati di flussi di lava e depositi di flussi piroclastici sono chiaramente esposti nelle pareti del cratere di eruzione del 1902 nel cono di Santa María. Tale stratificazione è tipica degli strativulcano, sebbene raramente gli strati siano così regolari e ininterrotti.

Lo sapevate?
- Molte piantagioni vicino a Santa María e Santiaguito coltivano chicchi di caffè, che prosperano nel ricco suolo vulcanico (e sembrano essere relativamente non influenzati dall'occasionale caduta di cenere). Uno dei principali acquirenti di questi fagioli è Starbucks.
- L'alite - altrimenti noto come salgemma - si trova nei depositi eruttivi intorno a Santa María, e si pensa che provenga da letti di evaporiti profonde sotto il vulcano.

Flusso piroclastico a cupola di lava El Caliente

Un piccolo flusso piroclastico che scende dal pendio della cupola di lava El Caliente. I piccoli flussi piroclastici di solito non viaggiano molto oltre le cupole, ma quelli grandi possono fluire molte miglia a valle e causare danni considerevoli.

Santa Maria: storia dell'eruzione

Non ci sono testimonianze storiche di eruzioni a Santa María. I flussi di lava più antichi che compongono il vulcano hanno circa 30.000 anni, ma ci sono poche date per i depositi più giovani. Dati magnetici suggeriscono che la maggior parte della crescita si è verificata in un periodo compreso tra 1000 e 3000 anni prima di 25.000 anni fa, sebbene non siano ancora disponibili date più precise. Il periodo di costruzione del cono è stato seguito da un lungo periodo di quiescenza interrotto da occasionali flussi di lava di piccole dimensioni dalle prese d'aria sul fianco. (Conway et al, 1993)

Nel novembre del 1902, a seguito di numerosi grandi terremoti che causarono danni significativi in ​​Guatemala e nei paesi vicini, Santa María subì una delle più grandi eruzioni del XX secolo. È durato diverse settimane, ha creato 0,5 km3 (0.1 mi3) cratere sul fianco sud del vulcano e si estendeva per più di 5 km3 (1.2 mi3) di tephra fino al Messico. Il cratere di eruzione ha continuato ad essere attivo per alcuni mesi dopo, con diversi geyser che eruttavano da un lago di breve durata.

Nel 1922, una nuova attività sismica ha preannunciato l'eruzione di una singola cupola di lava dacitica nel cratere del 1902. La cupola, inizialmente chiamata Santiaguito, crebbe rapidamente, raggiungendo 0,2 km3 (0,05 mi3) in soli tre anni. Nel 1929 si verificò un devastante crollo della cupola, che inviò correnti di densità piroclastica lungo le valli del fiume sotto le cupole; più di 3000 persone furono uccise e le piantagioni sul percorso dei flussi piroclastici furono distrutte.

In seguito a questo crollo, l'attività a Santiaguito iniziò a spostarsi verso ovest dalla bocca originale (ora chiamata Caliente), formando infine altre tre cupole di lava (La Mitad, El Monje e El Brujo) negli anni '60. Dal 1972-1975, sia Caliente che El Brujo (le cupole alle due estremità del complesso) furono attive contemporaneamente, producendo flussi di lava, flussi piroclastici ed eruzioni di cenere e gas. L'attività è stata limitata alla cupola di Caliente dal 1975 e ha incluso regolari eruzioni di cenere e gas dal vertice della cupola e flussi di lava che scendono lungo i suoi fianchi. Caliente ha vissuto diversi eventi significativi dal crollo della cupola del 1929, tra cui grandi eruzioni e flussi piroclastici nel 1973, 1989, 2010 e 2016.

Ulteriori informazioni sul vulcano Santa Maria
Conway, F. M., J. F. Diehl, W. I. Rose e O. Matias, 1993, Flusso di età e magnus di Santa Maria, Guatemala: Correlazione di forme d'onda paleomagnetiche con l'escursione del lago Mono. Journal of Geology, v. 102, n. 1, p. 11-24.
Santa Maria: Pagina sul sito web del Programma di vulcanismo globale della Smithsonian Institution.
Harris, A.J.L., Rose, W.I. e Flynn, L.P., 2003, Tendenze temporali nell'estrusione della cupola di lava a Santiaguito 1922-2000. Bulletin of Volcanology, v. 65, pag. 77-89.
Rose, W.I., 1987, Santa María, Guatemala: stratovulcano calc-alcalino bicarbonato di sodio. Journal of Volcanology and Geothermal Research, v. 33, p. 109-129.
Rose, W.I., Grant, N.K., Hahn, G.A., Lange, I.M., Powell, J.L., Easter, J., and Degraff, J.M., 1977, L'evoluzione del vulcano Santa María, Guatemala. The Journal of Geology, v. 85, pag. 63-87.
Rose, W.I., 1972, Note sull'eruzione del 1902 del vulcano Santa María, Guatemala. Bollettino di vulcanologia, v. 2, n. 1, p. 29-45.

Circa l'autore

Jessica Ball è una studentessa laureata presso il Dipartimento di Geologia della State University di New York a Buffalo. La sua concentrazione è in vulcanologia e attualmente sta studiando il collasso della cupola di lava e i flussi piroclastici. Jessica si è laureata in scienze presso il College of William and Mary e ha lavorato per un anno presso l'American Geological Institute nel programma Education / Outreach. Scrive anche il blog Magma Cum Laude, e in quanto tempo libero le resta, le piace arrampicare su roccia e suonare vari strumenti a corda.

Guarda il video: Climbing Vulcano "Santa Maria" near Xela (Giugno 2020).