Vulcani

Vulcano Pavlof



Uno dei vulcani più attivi in ​​Nord America è una minaccia al traffico aereo internazionale e locale.

Vulcano Pavlof: Pennacchio di cenere di Pavlof trasportato dal vento, 18 maggio 2013. Fotografia di Brandon Wilson. Immagine dall'Alaska Volcano Observatory.

Ash Plume dall'eruzione del 2007 di Pavlof

Pennacchio Pavlof: Il vulcano Pavlof e un pennacchio di eruzione sono stati fotografati da un volo commerciale il 30 agosto 2007. Il pennacchio è alto circa 17.000 piedi. Little Pavlof è il picco più piccolo sulla spalla destra di Pavlof. Eruzioni come questa rappresentano un grave pericolo per il traffico aereo locale e internazionale. Fotografia di Chris Waythomas, Alaska Volcano Observatory / U.S. Geological Survey.

Introduzione del vulcano Pavlof

Pavlof è uno dei vulcani più attivi del Nord America. Negli ultimi 100 anni, Pavlof è scoppiato almeno 24 volte e potrebbe essere scoppiato in diverse altre occasioni. La posizione remota e il tempo con visibilità limitata, combinati con il fatto che ci sono pochi abitanti locali, potrebbero aver permesso che alcune eruzioni non fossero confermate. Oggi, il monitoraggio satellitare giornaliero e i dati in tempo reale provenienti da strumenti intorno al vulcano forniscono un flusso continuo di informazioni agli scienziati. 1

Sebbene ci sia pochissima attività umana sulla terra che circonda immediatamente Pavlof, il cielo sopra è fortemente viaggiato. Ogni giorno almeno 20.000 passeggeri di compagnie aeree internazionali e decine di voli carichi di merci volano sopra il vulcano. Un'eruzione a Pavlof che immette nell'atmosfera grandi quantità di ceneri vulcaniche produce preoccupazioni per la sicurezza del traffico aereo e significative perdite finanziarie poiché i voli devono essere dirottati. Questo è il motivo per cui il vulcano riceve così tanta attenzione dagli scienziati. 2

Mappa: Dov'è il vulcano Pavlov?

Dov'è il vulcano Pavlov? Mappa che mostra la posizione del vulcano Pavlof vicino alla fine della penisola dell'Alaska. Il confine tra la placca del Nord America e la placca del Pacifico è mostrato dalla linea dentata grigia. La piastra del Pacifico si trova a sud del confine e la piastra del Nord America si trova a nord di questo confine. La linea A-B mostra la posizione della sezione trasversale di seguito.

Sezione tettonica delle placche semplificata

Tettonica a zolle di Pavlof: Sezione trasversale tettonica a zolle semplificata che mostra come si trova il vulcano Pavlof nella penisola dell'Alaska. Una zona di subduzione, formata dove la Placca del Pacifico scende sotto la Placca del Nord America, è direttamente sotto il vulcano. Il magma prodotto dal mantello che si scioglie e dalla piastra del Pacifico sale in superficie e provoca eruzioni.

Vulcano Pavlof: impostazione tettonica a placche

Pavlof si trova vicino all'estremità occidentale della penisola dell'Alaska. Il confine convergente tra la North America Plate e la Pacific Plate si trova a sud e ad est di Pavlof, come mostrato sulla mappa sopra. La piastra del Nord America si sta muovendo verso sud e la piastra del Pacifico si sta spostando verso nord-ovest.

In questa posizione entrambe le piastre sono costituite da litosfera oceanica. Al limite della placca, la placca del Pacifico è costretta sotto la placca del Nord America a formare la fossa aleutina e una zona di subduzione. Un diagramma di questa situazione al contorno della piastra è mostrato nella sezione semplificata di questa pagina.

Vulcano Pavlof - Eruzione del 2007

Eruzione di Pavlof 2007: Fotografia di Pavlof Volcano (in eruzione), Pavlof Sister (a sinistra) e Little Pavlof (piccolo picco sulla spalla destra di Pavlof) scattata il 29 agosto 2007 da Guy Tygat. Immagine di Alaska Volcano Observatory.

I tre Pavlof

I tre Pavlof: Fotografia dei tre Pavlof. Da sinistra: Pavlof Sister, Pavlof e Little Pavlof (piccolo picco sulla spalla destra di Pavlof) come osservato da Trader Mountain nell'agosto 2005 da Chris Waythomas. 3 Pavlof Sister e Little Pavlof non sono scoppiati durante la storia registrata, ma probabilmente sono scoppiati negli ultimi 10.000 anni. Immagine di Alaska Volcano Observatory.

La storia eruttiva di Pavlov: Grafico della storia eruttiva del vulcano Pavlof per secolo. La maggiore frequenza di eruzioni negli ultimi due secoli può essere principalmente attribuita a migliori capacità di osservazione e maggiore interesse per il vulcano. I dati in questo grafico provengono dall'Alaska Volcano Observatory 1, dove sono disponibili dettagli più specifici per la maggior parte di queste eruzioni. Alcune delle eruzioni si sono estese nel tempo per due o più anni civili. 1 I dati sull'esplosività vulcanica provengono dal sommario del vulcano Pavlof sul sito web della Smithsonian Institution. 2

Vulcano Pavlof: storia eruttiva

Il grafico in questa pagina riassume la frequenza eruttiva di Pavlov per la quale esiste una registrazione scritta. Il piccolo numero di eruzioni nella prima parte di questo record riflette la posizione remota del vulcano, la mancanza di popolazione locale e le cattive condizioni meteorologiche che limitavano l'osservazione. Le frequenze di eruzione nel 1700, 1800 e primi 1900 sono sottorappresentate.

Alcune delle eruzioni sono contrassegnate come "discutibili". A volte era impossibile attribuire un'eruzione a un vulcano specifico perché le prese d'aria sono così numerose e vicine nel centro vulcanico del lago Eammons. 3

La maggior parte delle eruzioni di Pavlof ha comportato rilasci di ceneri a basso consumo energetico, piccoli flussi di lava andesite o fontane di lava minori. Questi a volte producono lahar quando cenere e lava fondono porzioni del cappello da neve di Pavlof. Alcuni di questi lahar sono stati abbastanza grandi da raggiungere l'Oceano Pacifico a sud o il Mare di Bering a nord.

Occasionalmente, Pavlof produce una forte eruzione esplosiva o una serie di piccoli eventi esplosivi in ​​un singolo episodio eruttivo. Le eruzioni del 1983, 1981, 1974/1975, 1936/1948 e 1906/1911 produssero abbastanza ejecta per essere classificate al livello 3 dell'indice di esplosività vulcanica. L'eruzione del 1762/1786 è stata valutata a VEI 4. 2

Pavlof Ash Plume - Eruzione 2013

Eruzione del Pavlof 2013: Gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale hanno catturato questa foto del vulcano Pavlof in Alaska che esplode il 18 maggio 2013. Questa vista mostra un pennacchio di eruzione che inizia dal vulcano Pavlof (lato sinistro) e trasportato da forti venti a sud-est. Pavlof Sister è visibile sopra e leggermente a sinistra di Pavlof in questa immagine. Foto pubblicata dall'Osservatorio della Terra della NASA. Ingrandisci l'immagine.

Depositi Pavlof Lahar

Depositi Pavlof Lahar: Deposito di esaurimento Lahar prodotto durante l'eruzione del 2007 a Pavlof. È un deposito sabbioso di supporto a matrice con un mix di ejecta vulcanica e ciottoli di ruscello. Immagine di Chris Waythomas. Immagine USGS. Ingrandire.

Mappa dei rischi di Pavlof

Mappa dei pericoli di Pavlof: Mappa che mostra l'estensione geografica e le posizioni del flusso piroclastico, i rischi di impennata e esplosione intorno a Pavlof e ai vulcani vicini. Immagine USGS. Ingrandire. Mappe aggiuntive di lahar, detriti-valanghe, ricadute di cenere e altri pericoli fanno parte del Preliminary Volcano-Hazard Assessment per il rapporto del Centro vulcanico del lago Emmons e il set di mappe. 4

Video: Pavlof Lahar

Video di un lahar prodotto durante l'eruzione del 2007 di Pavlof. Nel video puoi osservare la parte anteriore del lahar che scorre lungo il canale. Altri lahar più grandi superavano la capacità del canale e producevano il paesaggio coperto di sedimenti attorno al canale. Filmato dal pilota Jeff Linscott di JL Aviation. Video sull'Alaska Volcano Observatory.

Pavlof: geologia e pericoli

Sebbene le eruzioni a Pavlof siano state numerose, fortunatamente sono state di dimensioni da piccole a moderate. Sono spesso eruzioni stromboliane che producono cadute locali di tefra. Pavlof produce anche pennacchi di cenere che possono essere trasportati a centinaia di miglia dal vento.

Pavlof non è stata una minaccia mortale per le persone a terra perché pochissime persone si avventurano vicino al vulcano. La comunità più vicina è Cold Bay, a circa 35 miglia a sud-ovest. Altre comunità vicine includono King Cove, Nelson Lagoon e Sand Point. Tutti questi sono oltre la portata di lahar e flussi piroclastici; tuttavia, ognuna di queste comunità ha subito delle cadute di cenere dalle eruzioni di Pavlof.

I pennacchi di cenere sono il pericolo più significativo associato alle eruzioni di Pavlof. Sono un grave pericolo per gli aerei locali e una minaccia per il traffico aereo internazionale quando raggiungono un'altezza significativa. Questo è il motivo per cui il vulcano viene monitorato con strumenti e perché le immagini satellitari del vulcano vengono esaminate quotidianamente.

Pavlof è generalmente coperto da neve e ghiaccio. Le eruzioni possono rapidamente sciogliere quantità significative di neve e ghiaccio per produrre fanghi vulcanici noti come lahar. Questi lahar sono fanghi in rapido movimento. Possono riempire le valli del torrente con acqua calda, sabbia, ghiaia, massi e detriti vulcanici. Distruggono l'habitat del torrente, che può essere perso per molti anni dopo un'eruzione. Viaggiano a velocità molto elevate e chiunque si trovi nelle valli del torrente sotto il vulcano quando si verifica un'eruzione deve spostarsi rapidamente su un'altura per sfuggire al flusso mortale.

Le eruzioni di Pavlof producono spesso flussi piroclastici. Queste sono calde nuvole di roccia, gas e cenere che attraversano i fianchi del vulcano a velocità fino a 100 miglia all'ora. Sono abbastanza densi da abbattere gli alberi e abbastanza caldi da incenerire tutto ciò che incontrano.

I flussi di lava sono prodotti da molte eruzioni di Pavlof. Generalmente non rappresentano un pericolo per l'uomo perché si muovono lentamente, il loro percorso di flusso è prevedibile e generalmente non viaggiano lontano dal vulcano.

Video: Pavlof Lahar

Video di un lahar prodotto durante l'eruzione del 2007 di Pavlof. Nel video puoi osservare la parte anteriore del lahar che scorre lungo il canale. Altri lahar più grandi superavano la capacità del canale e producevano il paesaggio coperto di sedimenti attorno al canale. Filmato dal pilota Jeff Linscott di JL Aviation. Video sull'Alaska Volcano Observatory.

Vulcano Pavlof - Eruzione del 1996

Eruzione del Pavlof 1996: Una foto del vulcano Pavlof scattata il 13 novembre 1996. Questa immagine mostra la ripida geometria dello stratovulcano di Pavlof. Questa eruzione è iniziata il 15 settembre 1996 e si è conclusa il 3 gennaio 1997. Ha prodotto numerose eruzioni di vapore e cenere, eruzioni stromboliane, fontane di lava e flussi di lava. Immagine USGS di Elgin Cook.

Mappa topografica di Pavlof

Mappa topografica di Pavlof: Mappa topografica USGS di Pavlof e delle caratteristiche vulcaniche circostanti. Ingrandire.

Ulteriori informazioni su Pavlof
1 Pagina attività Pavlof: Alaska Volcano Observatory.
2 Riepilogo del vulcano Pavlof: Smithsonian Institution, Global Volcanism Program.
3 Valutazione preliminare di rischio vulcano per il Centro vulcanico del lago Emmons, Alaska: Indagine geologica degli Stati Uniti, Rapporto di indagini scientifiche 2006-5248, 2006.
4 Valutazione preliminare del rischio vulcano per il Centro vulcanico del lago Emmons, Alaska: (mappe di accompagnamento) Indagine geologica degli Stati Uniti, Rapporto di indagini scientifiche 2006-5248, 2006.

Eruzioni Caldera-Formanti

Il vulcano Pavlof riceve molta attenzione perché produce una piccola eruzione ogni pochi anni, rendendolo uno dei vulcani più attivi del Nord America. Ha la capacità di causare interruzioni temporanee del traffico aereo, ma è molto al di sotto di una grave minaccia per le popolazioni locali e il pianeta in generale.

Informazioni su Pavlof

Posizione:Verso la fine della penisola dell'Alaska
Coordinate:55 ° 25 '0 "N 161 ° 53' 15" O
Elevazione:2.519 metri (8.264 piedi)
Tipo di vulcano:stratovulcano
Ultima eruzione:2016

La storia eruttiva del Centro vulcanico del lago Emmons comprende diverse grandi eruzioni che formano caldera. Negli ultimi 400.000 anni si sono verificate tra le tre e le sei maggiori eruzioni che formano la caldera. Le date stimate di queste grandi eruzioni sono circa 294.000, 234.000, 123.000, 100.000, 30-50.000 e 26.000 anni fa.

Alcune di queste eruzioni sono state abbastanza potenti da coprire fino a 1000 miglia quadrate con flussi piroclastici di dacite e riolite. In alcune eruzioni erano abbastanza caldi da produrre depositi saldati a distanze fino a 20 miglia dallo sfiato! Fortunatamente, queste eruzioni che formano la caldera sono estremamente rare e non vi è alcuna indicazione che si verificherà nel prossimo futuro. 3

Autore: Hobart M. King, Ph.D.

Guarda il video: Eruzione Vulcano Pavlof - Alaska - Segreti e Misteri .com (Giugno 2020).