Vulcani

Vulcano Dallol e campo idrotermale



Uno dei paesaggi vulcanici più strani del mondo e uno dei luoghi più caldi della Terra.Situato a 269 piedi sotto il livello del mare nella depressione di Danakil in Etiopia.

Cratere Dallol: Fango, sale, macchie di ferro, alghe halophile e attività termale calda producono un paesaggio colorato ma pericoloso nei crateri Dallol. Il più recente è stato formato nel 1926 da un'eruzione freatica che è esplosa attraverso sale poco profondo e sedimenti per produrre un maar. Un flusso continuo di acqua idrotermale supersalina alimenta i laghi colorati e altera il sito di eruzione originale.

Triangolo lontano: Questa mappa mostra la posizione del sito vulcanico di Dallol nella depressione di Danakil in Etiopia. Nota come la depressione di Danakil è parallela al Mar Rosso. Mappa di dominio pubblico da DEMIS Mapserver, utilizzata qui sotto una Licenza Creative Commons.

Impostazione geologica della depressione di Danakil

La depressione di Danakil è una valle spaccata che è parallela al Mar Rosso, vicino al confine tra Etiopia ed Eritrea. È una struttura minore legata alla frattura tra l'Africa e la penisola arabica. All'apertura della spaccatura, il pavimento della depressione di Danakil si abbassa. Dopo milioni di anni di subsidenza, la parte più profonda della depressione si trova a circa 410 piedi sotto il livello del mare. È uno dei punti più bassi della Terra.

Più volte durante la formazione della depressione di Danakil, l'acqua ha superato il divario tra il bacino di Danakil e il Mar Rosso, inondando il bacino di acqua di mare. Spesse sequenze di evaporite di gesso e alogenite sono state depositate nel bacino quando l'acqua di mare è evaporata nel clima caldo e secco. Alcuni dei depositi di evaporite sono stati formati dall'evaporazione dell'acqua di deflusso e dall'evaporazione delle salamoie idrotermali.

L'area di Dallol è una delle aree più calde della Terra. La temperatura massima giornaliera media è di 106 gradi Fahrenheit e la temperatura media annuale è di 94 gradi Fahrenheit. Durante la stagione delle piogge, gran parte della depressione di Danakil può essere coperta con acqua di deflusso.


Depositi di sale a terrazze in uno dei crateri Dallol, macchiato di giallo, marrone e verde.

Attività vulcanica nella depressione di Danakil

Gran parte del pavimento della depressione di Danakil è coperto da saline. Altre aree sono coperte da flussi di basalto, vulcani a scudo e coni di cenere. Sulle saline si possono vedere diversi crateri fino a un miglio di diametro. Si pensa che siano maar formati da eruzioni freatiche.

L'ultima eruzione avvenne nel 1926 quando un corpo di magma salì verso la superficie terrestre nella depressione di Danakil vicino al confine tra l'Etiopia e l'Eritrea. Il corpo di magma in aumento penetrò il sale sulla sua strada verso la superficie e un'esplosione freatica formò un piccolo maar di circa 100 piedi attraverso il sito di eruzione.

Lago verde al cratere Dallol: Un lago verde e depositi di sale macchiati di zolfo giallo e ferro in uno dei crateri di Dallol.

Informazioni Dallol
1 Dallol, sintesi sul vulcano sul sito web del Global Volcanism Project della Smithsonian Institution, ultimo accesso a febbraio 2017.
2 Dallol Volcano, articolo pubblicato sul sito Web PhotoVolcanica.com, ultimo accesso a febbraio 2017.
3 Dallol Volcano, articolo pubblicato sul sito VolcanoDiscovery.com, ultimo accesso a febbraio 2017.

Sorgenti termali e paesaggio di Dallol

Dallol ha alcuni dei paesaggi più colorati della Terra. Il magma caldo sottostante riscalda le acque sotterranee che scorrono dagli altopiani circostanti. Quest'acqua calda sale verso la superficie e attraverso i depositi di evaporite, sciogliendo sale, potassa e altri minerali solubili.

La salamoia sovrasaturata emerge attraverso le sorgenti calde nel pavimento dei crateri. Mentre le salamoie evaporano nel clima caldo e arido, si formano estese formazioni saline sul pavimento dei crateri. Questi sono di colore bianco, giallo, marrone, arancione e verde di zolfo, ferro disciolto, fango e attività vitale delle alghe alofile.

Le azioni delle sorgenti calde, la deposizione di sale e i sedimenti lavati via dal deflusso hanno modificato la geometria dei crateri. I crateri Dallol sono luoghi pericolosi da visitare perché la loro superficie può essere coperta da una crosta di sale con pozze d'acqua calda acida a pochi centimetri sotto. I gas tossici vengono talvolta rilasciati dai crateri.

Nell'ultimo decennio Dallol ed Erta Ale, aree vulcaniche nella parte sud-orientale della depressione di Danakil, sono state frequentemente visitate dai turisti. Queste escursioni possono essere rischiose a causa del clima rigido, della posizione remota e dei ripetuti attacchi ai turisti. Le guardie armate accompagnano molti dei gruppi di turisti.

Guarda il video: Earth from Space: Northeast Ethiopia (Giugno 2020).