Vulcani

Chaitén (Chaiten Volcano) - Cile



Immagine di una colonna di eruzione di Chaitén

Vulcano Chaitén: Vista di una colonna eruttiva dal vulcano Chaitén, in Cile, fotografata il 26 maggio 2008. La caldera ha un diametro di circa 3 km (1,9 miglia) da un bordo all'altro. La caratteristica pomposa tra la colonna eruttiva e il bordo sinistro fa parte di una cupola di lava che si formò dopo l'eruzione del 7.400 a.C. Fotografia di US Geological Survey di J.N. Marso.

Chaitén: Introduzione

Chaitén è una piccola caldera vulcanica situata sul fianco del vulcano Michinmahuida nel sud del Cile. Prima del 2008, consisteva principalmente in una cupola di lava riolitica, attiva per l'ultima volta 9.400 anni fa. Ma nel maggio 2008, Chaitén iniziò a scoppiare violentemente, producendo numerosi pennacchi, flussi piroclastici e lahar e costruendo una nuova cupola di lava sul lato nord di quella vecchia. L'eruzione ha avuto gravi conseguenze per la vicina città di Chaitén, inondandola di lahar e ceneri, e la cenere dell'eruzione ha persino interrotto i viaggi e l'agricoltura nei paesi circostanti.

Sezione trasversale tettonica a placche semplificata

Sezione tettonica delle placche semplificata che mostra come Chaitén si trova sopra una zona di subduzione formata dove si scontrano le placche di Nazca e del Sud America. In questa zona di subduzione la fusione produce corpi di magma che si innalzano verso la superficie. Immagine di.

Mappa: Dov'è Chaitén?

Mappa del vulcano Chaitén: Mappa che mostra la posizione del vulcano Chaitén vicino alla costa occidentale del Sud America. La linea sottile etichettata A-B segna la posizione della sezione trasversale tettonica delle placche semplificata mostrata di seguito. Map by e MapResources.

Chaitén: impostazione tettonica a placche

Chaitén si trova sopra la zona di subduzione Perù-Cile. In questo confine convergente, la Placca di Nazca viene subdotta sotto la placca tettonica del Sud America. L'estremità meridionale della placca si inclina con un angolo ripido, mentre l'estremità settentrionale potrebbe subire una subduzione di lastre piane (in cui la lastra oceanica scorre sotto la placca continentale con un angolo molto basso). Un basso angolo di subduzione può spiegare la relativa mancanza di attività vulcanica nella parte settentrionale del Cile, rispetto alle montagne vulcaniche meridionali estremamente attive.

Chaitén Ash Plume

Pennacchio di frassino Chaitén: Una vista del pennacchio di cenere di Chaitén. Immagine della NASA creata da Jesse Allen, utilizzando i dati ALI EO-1 forniti per gentile concessione del team EO-1 della NASA.

Chaitén Geology and Hazards

Chaitén è una caldera vulcanica relativamente piccola (3 km di larghezza) situata sul fianco occidentale del vulcano Michinmahuida. Prima dell'inizio dell'eruzione del maggio 2008, conteneva una cupola lavica di ossidiana riolitica e diversi piccoli laghi. La caldera è aperta sul lato sud-ovest da un fiume che sfocia nella baia di Chaitén, oltre la città di Chaitén nel Golfo di Corcovado.

Prima dell'attuale eruzione, depositi vulcanici di 9.400 anni indicavano che il vulcano era in grado di produrre picchi piroclastici, flussi di pomice e ricadute di tephra. Quando il vulcano iniziò a scoppiare nel maggio 2008, produsse alte colonne di eruzione pliniana di cenere, gas e roccia. Queste colonne erano accompagnate da flussi piroclastici, lahar e abbondanti ceneri. Sebbene l'area intorno a Chaitén sia scarsamente popolata, più di 5000 persone hanno dovuto essere evacuate dalle città vicine e l'aviazione nel sud del Sud America è stata interrotta per settimane. Entro 10 giorni dalla prima eruzione, i lahar avevano invaso gran parte della città di Chaitén. Il governo cileno in seguito ordinò la completa evacuazione della città e al momento sta pianificando di trasferirla interamente.

Chaitén è una delle maggiori preoccupazioni sia per il settore aereo che per il vicino paese argentino. Le colonne di eruzione del vulcano hanno raggiunto i 15 km (50.000 piedi) di altezza, che è quasi il doppio della normale altitudine di crociera di un jet (circa 30.000 piedi). Nella prima settimana dell'attuale eruzione, cinque velivoli hanno incontrato ceneri di nuvole di eruzione e diversi danni significativi al motore. Gli aeroporti in Cile, Argentina e Uruguay, fino a 2.300 km dal vulcano, furono costretti a chiudere o cancellare i voli. Inoltre, la cenere vulcanica proveniente dalle nuvole di eruzione ha causato trasporto terrestre e problemi di salute in Cile e Argentina.

Chaitén Pre-Eruption Lava Dome

Cupola di lava Chaitén: Una vista della cupola di lava di Chaitén. Immagine della NASA creata da Robert Simmon, utilizzando i dati Landsat forniti dal Global Land Cover Facility dell'Università del Maryland.

Chaitén e Michinmahuida

Chaitén e Michinmahuida: Questa fotografia di astronauta evidenzia due vulcani situati vicino al confine meridionale della zona di subduzione di Nazca-Sud America nel sud del Cile. A dominare la scena c'è il massiccio vulcano Michinmahuida (scritto anche Minchinmávida; immagine in alto a destra). Charles Darwin osservò un'eruzione di questo vulcano ghiacciato durante il suo viaggio nelle Isole Galapagos nel 1834; l'ultima eruzione registrata ebbe luogo l'anno successivo. Quando questa foto è stata scattata, la cima bianca e innevata di Michinmahuida è stata coperta da cenere grigia scoppiata dal suo vicino molto più piccolo ma ora attivo ad ovest, il vulcano Chaitén. Immagine da Image Science and Analysis Laboratory, NASA-Johnson Space Center. "The Gateway to Astronaut Photography of Earth".

Chaitén: storia dell'eruzione

Prima dell'eruzione del maggio 2008, l'ultima eruzione di Chaitén avvenne 9.400 anni fa. Creava picchi piroclastici e depositi di flusso di pomice e formava la cupola lavolitica di obidiana riolitica nel cratere centrale. Tuttavia, venerdì 2 maggio 2008, il vulcano è scoppiato all'improvviso, producendo un pennacchio di cenere vulcanica e vapore che è salito a quasi 17 chilometri di altezza ed è stato visibile sulle immagini satellitari per centinaia di chilometri sull'Atlantico. La città di Chaitén, situata a circa 10 chilometri a sud-ovest del sito dell'eruzione, era ricoperta di cenere. Circa 4.000 persone che vivevano lì furono evacuate in barca. Anche la città di Futaleufu, con circa 1.000 abitanti, fu evacuata. Anche le comunità più piccole del sud-est come Chubut e Rio Negro hanno ricevuto forti cadute di cenere. Il pennacchio di cenere era così denso in alcune parti dell'Argentina che scuole, autostrade e aeroporti furono costretti a chiudere.

Fatti su Chaitén

Posizione:Cile meridionale
Coordinate:42.833oS, 72.646oW
Elevazione:1122 m (3.681 piedi)
Tipo di vulcano:Caldera
Ultima eruzione:2011

Le eruzioni sono proseguite da allora, creando molti pennacchi di cenere e gas e provocando l'estrusione di una nuova cupola di lava sul lato nord della vecchia cupola. Questa eruzione della cupola è accompagnata da degassamento costante, emissione di ceneri e vapore, collassi gravitazionali di parti instabili della nuova cupola (che provocano flussi piroclastici), lahar e un po 'di sismicità. Una colonna vertebrale centrale di lava è stata espulsa dalla nuova cupola, ma probabilmente collasserà, poiché tali caratteristiche sono in genere molto instabili e di breve durata. Mentre la sismicità sembra diminuire, il che può indicare che il tasso di crescita della cupola sta rallentando, rimane ancora il pericolo di collassi e lahar.

Ulteriori informazioni su Chaitén
Sito Web del programma di vulcanismo globale della Smithsonian Institution: pagina Chaitén.
SERNAGEOMIN - Servicio Nacional de Geología y Minería. (Spagnolo)
Chaitén sul Blog sul vulcanismo - aggiornamenti sulle attività e traduzioni in inglese dei bollettini di aggiornamento SERNAGEOMIN.
Ewert, J.W. et al, 2008, L'eruzione del 2008 del vulcano Chaitén, Cile e programmi nazionali di monitoraggio dei vulcani negli Stati Uniti e in Cile, Eos Trans. AGU, 89 (53), Supplemento riunione d'autunno, abstract V43D-2177.
Guffanti, M. et al., 2008, Effetti diffusi sull'aviazione dell'eruzione del 2008 del vulcano Chaitén, Cile, Eos Trans. AGU, 89 (53), Supplemento riunione d'autunno, abstract V42C-03.
Lo sapevate?
- I ciottoli di ossidiana della cupola di lava del 7.400 a.C. venivano usati dai popoli preistorici per creare artefatti che si trovano a 400 km di distanza dal vulcano. Le pale di ossidiana trasportate da un'antica cultura di canoa marittima a nord e sud del vulcano sono state scoperte in siti che risalgono a 5.610 anni prima. Conoscere questa data ha aiutato i geologi a stabilire un'età minima per la formazione della cupola di lava dell'ossidiana.
- L'ultima eruzione di Chaitén ha stimolato l'indagine geologica del Cile (Servicio Nacional de Geología y Minería, o SERNAGEOMIN) per creare un nuovo programma per migliorare il monitoraggio e la mitigazione dei pericoli su 43 dei vulcani ad alta minaccia del Cile. Il programma supporterà studi sulla storia delle eruzioni in questi vulcani, valutazioni dei pericoli vulcanici e la creazione di una rete di monitoraggio in tempo reale e di un sistema di allarme rapido.

Circa l'autore

Jessica Ball è una studentessa laureata presso il Dipartimento di Geologia della State University di New York a Buffalo. La sua concentrazione è in vulcanologia e attualmente sta studiando il collasso della cupola di lava e i flussi piroclastici. Jessica ha conseguito la laurea in scienze presso il College of William and Mary e ha lavorato per un anno presso l'American Geological Institute nel programma Education / Outreach. Scrive anche il blog Magma Cum Laude, e in quanto tempo libero le rimane, le piace arrampicare su roccia e suonare vari strumenti a corda.