Rocce

Lapislazzuli



Una roccia metamorfica, materiale gemma e pigmento minerale che ottiene il suo colore blu dalla lazurite minerale.

Pietre preziose di lapislazzuli: Come regola generale, il lapis blu solido o il blu solido con alcuni granelli di pirite d'oro sono i colori più desiderabili. Nella foto sopra il fondo due cabochon si avvicinano a quell'ideale. Il grande cabochon in alto a destra ha alcune sottili vene di calcite e alcune chiazze di calcite. Questa pietra è attraente e alcune persone potrebbero preferirla, ma la calcite riduce la sua desiderabilità per la maggior parte delle persone. Il cabochon in alto a sinistra presenta grandi macchie di calcite che sono intrecciate con lazurite blu per dare un colore denim sbiadito. Contiene anche molti grani visibili di pirite. Per la maggior parte delle persone, sarebbe la pietra meno desiderabile nella foto; tuttavia, alcune persone lo apprezzeranno. L'opportunità nei lapislazzuli varia da pietra a pietra e da persona a persona.

Sommario


Che cos'è il lapislazzuli?
Evento geologico di lapislazzuli
Composizione e proprietà del lapislazzuli
Storia del lapislazzuli
Il lapislazzuli come "minerale di conflitto"?
Utilizzare come gemma e materiale ornamentale
Trattamento del lapislazzuli
Lapislazzuli usato come pigmento
Esempi di Ultramarine in Paintings

Che cos'è il lapislazzuli?

Il lapislazzuli, noto anche semplicemente come "lapis", è una roccia metamorfica blu che è stata utilizzata dalle persone come pietra preziosa, materiale scolpente, pigmento e materiale ornamentale per migliaia di anni. Il lapislazzuli di alta qualità può essere una gemma costosa. Gli esemplari più desiderabili hanno un colore blu intenso e solido e forse alcuni pezzi riflettenti di pirite d'oro.

A differenza della maggior parte degli altri materiali per gemme, il lapislazzuli non è un minerale. Invece, è una roccia composta da più minerali. Il colore blu del lapislazzuli deriva principalmente dalla presenza di lazurite, un minerale di silicato blu del gruppo sodalite con una composizione chimica di (Na, Ca)8(AlSiO4)6(S, Cl, SO4,OH)2.

Lapislazzuli - The Rock: Questa foto mostra un esemplare di marmo in cui si sono formate piccole macchie di lazurite e abbondanti cristalli di pirite. Questo è un bellissimo esemplare di roccia, ma la sua utilità come grezzo per il taglio di cabochon o perle di lapislazzuli di alta qualità è limitata perché la quantità di lazurite presente in qualsiasi posizione all'interno della roccia è inferiore all'ottimale. Tuttavia, questo tipo di roccia può essere tinto per sembrare un lapis di qualità ragionevole. Questo

Evento geologico di lapislazzuli

Il lapislazzuli si forma vicino a intrusioni ignee in cui il calcare o il marmo sono stati alterati dal metamorfismo da contatto o dal metamorfismo idrotermale. In queste rocce, la lazurite sostituisce parti della roccia ospite e spesso si sviluppa preferenzialmente all'interno di determinate bande o strati.

L'Afghanistan è la principale fonte mondiale di lapislazzuli. Alcune parti del paese sono state attivamente estratte per migliaia di anni. Altri paesi che producono notevoli quantità di lapislazzuli includono Cile, Russia, Canada, Argentina e Pakistan. Negli Stati Uniti sono state prodotte piccole quantità di lapislazzuli in California, Colorado e Arizona.

Proprietà fisiche del lapislazzuli

ClassificazioneUna roccia metamorfica che contiene abbastanza della lazurite minerale per conferire un colore blu distinto. Può anche contenere quantità significative di calcite, pirite e quantità minori di altri minerali.
ColoreBlu. Spesso con venature o screziature di calcite bianche e grani d'oro di pirite.
strisciaBlu.
LustroScialbo, ma lucida per una lucentezza brillante.
diaphaneityDa semi-traslucido a opaco.
sfaldamentoNessuno, sebbene possa dividersi facilmente lungo le vene e gli strati della foliazione o della calcite.
Durezza MohsVaria tra 3 di calcite e 5 a 5,5 di lazurite. Non adatto per l'uso come pietra ad anello o in bracciali.
Peso specificoDa 2,7 a 2,9 o più a seconda della quantità di pirite
Proprietà diagnosticheColore blu, associazione con pirite e durezza.
usiCabochon, perline, intagli, sfere, intarsi e pigmenti.

Composizione e proprietà del lapislazzuli

Oltre alla lazurite, i campioni di lapislazzuli contengono solitamente calcite e pirite. Potrebbero anche essere presenti sodalite, hauyne, wollastonite, afghanite, mica, dolomite, diopside e una varietà di altri minerali. Per essere chiamata "lapislazzuli", una roccia deve avere un colore nettamente blu e contenere almeno il 25% di lazurite blu.

La calcite è spesso il secondo minerale più abbondante presente nel lapislazzuli. La sua presenza può essere molto evidente, apparendo come strati bianchi, fratture o chiazze. Può anche essere mescolato finemente con la lazurite per produrre una roccia con un colore denim sbiadito.

La pirite di solito si presenta nei lapislazzuli come piccoli grani distanziati in modo casuale con un colore dorato contrastante. Se abbondanti, i grani possono essere concentrati o intrecciati in strati o macchie distinti. Occasionalmente può verificarsi come minerale riempitivo di fratture.

Come una roccia, il lapislazzuli è composto da diversi minerali, ognuno con la propria durezza, caratteristiche di scissione / frattura, gravità specifica e colore. La durezza varia da un Mohs 3 per calcite a 6,5 ​​di pirite. La durezza del materiale dipende da dove lo testate.

Lapis fasciato: Un pezzo di lapislazzuli ruvido che mostra distinte fasce di calcite e pirite su una faccia di frattura.

Storia del lapislazzuli

Il lapislazzuli è stato popolare in gran parte della storia umana registrata. L'estrazione di lapislazzuli avvenne nella provincia di Badakhshan nell'Afghanistan nord-orientale già nel 7000 a.C. Il lapislazzuli veniva utilizzato per realizzare perline, piccoli oggetti di gioielleria e piccole sculture. Questi sono stati trovati in siti archeologici neolitici risalenti al 3000 a.C. circa in Iraq, Pakistan e Afghanistan.

Il lapislazzuli appare in molti siti archeologici egiziani che risalgono al 3000 a.C. circa. È stato usato in molti oggetti ornamentali e gioielli. Il lapis in polvere è stato usato come cosmetico e pigmento.

Ciondolo in lapislazzuli antico: Pendente mesopotamico in lapislazzuli, c. 2900 a.C. Immagine di dominio pubblico di Randy Benzie.

In epoca biblica la parola "zaffiro" veniva spesso usata come nome per il lapislazzuli. Per questo motivo, molti studiosi ritengono che almeno alcuni dei riferimenti allo zaffiro nella Bibbia siano in realtà riferimenti al lapislazzuli. Alcune traduzioni moderne della Bibbia usano la parola "lapislazzuli" anziché "zaffiro".

Il lapislazzuli iniziò ad essere visto in Europa durante il Medioevo. È arrivato sotto forma di gioielli, tagliando un pigmento ruvido e finemente macinato.

Oggi il lapislazzuli è ancora usato in gioielleria e oggetti ornamentali. Come pigmento è stato sostituito con materiali moderni tranne che da artisti che si sforzano di usare metodi storici.

Cristallo di Lazurite: Un cristallo di lazurite su marmo della provincia di Badakhshan, Afghanistan. Il campione ha una dimensione di circa 3,1 x 3,1 x 1,5 centimetri. Esemplare e foto di Arkenstone / www.iRocks.com.

Il lapislazzuli come "minerale di conflitto"?

L'Afghanistan è stata una delle principali fonti al mondo di lapislazzuli attraverso la maggior parte della storia registrata. La maggior parte della produzione del paese proviene da migliaia di piccole miniere nella provincia di Badakhshan. Questa è un'area con un'economia indigente, dove la coltivazione di papavero da oppio e l'estrazione di pietre preziose sono le uniche fonti importanti di entrate esterne.

Gran parte dell'area in cui si verifica l'estrazione del lapislazzuli è occupata dai talebani e dai membri locali dello Stato islamico. Operano mine illegali, attaccano altre miniere per catturare la loro produzione e chiedono pagamenti di protezione da intimidatori minatori. Le entrate derivanti da queste attività sono utilizzate per finanziare la guerra e il terrorismo.

Numerosi gruppi di difesa e alcuni membri del governo afgano vorrebbero vedere il lapislazzuli afgano classificato come un "minerale di conflitto" internazionale. Ciò richiederebbe al governo del paese di monitorare la produzione e la vendita di lapislazzuli dalla mia al mercato. Ciò comporterebbe anche uno sforzo internazionale per impedire il commercio illegale di lapislazzuli. Il processo di Kimberly, utilizzato per tracciare il flusso di diamanti, servirebbe da modello per il monitoraggio del lapislazzuli illecito.

Collana di lapislazzuli e turchese: Lapislazzuli e perle turchesi in una collana con argento sterling. Lapislazzuli e turchese sono un abbinamento comune nei gioielli con perline.

Utilizzare come gemma e materiale ornamentale

Il lapislazzuli è ampiamente noto per il suo uso come pietra preziosa. È un materiale popolare per il taglio in cabochon e perline. Viene anche utilizzato in progetti di intarsi o mosaici e spesso come materiale per piccole sculture. Questi usi hanno reso il lapis la più popolare pietra preziosa blu opaca.

Sebbene le preferenze personali possano variare, il lapislazzuli più popolare ha un colore uniforme, dal blu intenso al blu violetto. Molte persone godono di alcuni grani posizionati casualmente di pirite d'oro o alcune fratture o chiazze di calcite bianca. Tuttavia, quando la pirite o la calcite sono presenti in quantità superiori alle quantità minori, la desiderabilità del materiale e il valore vengono significativamente ridotti. Anche inclusioni o chiazze grigie riducono rapidamente la desiderabilità.

Il lapislazzuli presenta alcuni problemi di durabilità che ne limitano l'idoneità per determinati usi. Il lapislazzuli ha una durezza di Mohs di circa 5, che lo rende molto morbido per l'uso in un anello, gemelli o bracciale, specialmente se la parte superiore della pietra è sollevata sopra la parte superiore dell'impostazione o della lunetta. In questi usi, il lapislazzulo mostrerà segni di abrasione con l'uso continuato.

Il lapislazzuli è meglio utilizzato in orecchini, spille e pendenti, dove è meno probabile che si verifichi abrasione. Se conservati come pietre non montate o in gioielleria, il lapislazzuli può essere danneggiato se i pezzi non sono isolati l'uno dall'altro. I gioielli vengono conservati al meglio in scatole o sacchetti separati o in vassoi con scomparti separati per ciascun articolo. Le pietre tagliate sciolte devono essere conservate in fogli separati, in sacchetti o in contenitori di gemme in cui le pietre non si sfregano o si sfregano reciprocamente.

Sfere di lapislazzuli e ruvide: Piccole sfere blu di lapislazzuli mostrate insieme a due pezzi di lapislazzuli blu massiccio di alta qualità non trattati provenienti dall'Afghanistan. Le sfere hanno un diametro di circa 14-15 mm.

Trattamento del lapislazzuli

Il lapislazzuli viene spesso trattato dopo il taglio e prima che venga venduto come pietre preziose finite, sculture o ornamenti. Il lapislazzuli è leggermente poroso e ciò gli consente di accettare e trattenere la tintura. Gran parte del materiale che entra nel mercato è stato trattato con una tintura blu per rimuovere la visibilità della calcite bianca. Viene quindi frequentemente trattato con cera o olio che migliorano la lucentezza delle superfici lucide e sigillano la calcite tinta.

Pigmento Ultramarine: Foto che guarda in basso in un barattolo di pigmento ultramarino realizzato con lapislazzuli finemente macinato e beneficiato.

Lapislazzuli usato come pigmento

Il lapislazzuli di alta qualità è stato usato come pigmento minerale per oltre 1.000 anni. Pezzi di lapislazzuli di un blu brillante sono tagliati di impurità e macinati in una polvere fine; la polvere può quindi essere miscelata con olio o un altro veicolo per essere utilizzata come vernice.

I pigmenti di qualità superiore possono essere prodotti lavando la polvere con acido delicato per rimuovere calcite e dolomite che diluiscono il colore blu. Il materiale viene quindi elaborato per rimuovere i grani di pirite e altri minerali estranei. Questo pigmento di lapislazzuli è stato chiamato "blu oltremare", un nome che è stato successivamente utilizzato per centinaia di anni.

Durante il Rinascimento e nel 1800, i dipinti realizzati con il blu oltremare erano considerati un lusso a causa del loro alto costo. Il lapislazzuli di alta qualità è stato estratto in Afghanistan e trasportato in Europa per produrre blu oltremare. Questo costoso pigmento veniva normalmente utilizzato solo dagli artisti più abili e da coloro che avevano clienti facoltosi per sostenere la spesa aggiuntiva.

Il blu oltremare realizzato con lapislazzuli è uno dei pochi pigmenti naturali con un colore blu permanente e vivido, una buona opacità e un'alta stabilità. È sempre stato molto costoso e oggi può vendere per oltre $ 1.000 per sterlina.

A partire dalla metà del 1800, artisti e chimici hanno iniziato a sviluppare pigmenti blu sintetici da utilizzare come alternative al blu oltremare realizzato con lapislazzuli. Alcuni di questi pigmenti portano anche il nome "ultramarine". Un artista che oggi vuole un pigmento ultramarino a base di lapislazzuli deve essere sicuro che il pigmento non sia sintetico e che sia effettivamente composto da lapislazzuli. I pigmenti sintetici ultramarini hanno i loro vantaggi. Il loro colore blu è generalmente più profondo e più coerente rispetto al tradizionale blu oltremare, e costano anche molto meno.

Oggi, a causa dei costi, viene utilizzato pochissimo ultramarino a base di lapislazzuli, principalmente da artisti che si sforzano di apprendere tecniche storiche o ottenere risultati simili ai maestri pittori del passato. È preparato da alcuni produttori di pigmenti che continuano a utilizzare il lapislazzuli proveniente da fonti storiche in Afghanistan.

Quadri realizzati con blu oltremare: Quattro dipinti famosi realizzati con pigmenti ultramarini. In senso orario da in alto a sinistra: La notte stellata di Vincent Van Gogh; Ragazza con un orecchino di perla di Johannes Vermeer; Bacco e Arianna di Tiziano; e, La Vergine in preghiera di Sassoferrato. Tutte le immagini sono di dominio pubblico e sono state ottenute da Wikimedia.org.

Esempi di Ultramarine in Paintings

Alcuni maestri pittori (esempi dei quali vengono forniti di seguito) consideravano l'uso dell'ultramarina e di altri pigmenti costosi una parte essenziale della produzione di dipinti con colori ottimali.

Vincent Van Gogh (1853-1890) usò l'ultramarina per dipingere La notte stellata nel 1889. L'olio su tela è considerato una delle sue opere migliori ed è oggi nella collezione del Museum of Modern Art di New York City. È un dipinto ampiamente riconosciuto.

Johannes Vermeer (1632-1675) usò l'ultramarine per dipingere il velo del Ragazza con l'orecchino di perla verso il 1665. L'olio su tela è stato esposto in musei di tutto il mondo e ha anche ispirato un romanzo e un film. È attualmente nella collezione dei Mauritshuis a L'Aia.

Tiziano (1488-1576) usò il blu oltremare per dipingere il cielo drammatico e i tendaggi nel suo dipinto ad olio su tela di Bacco e Arianna. Il dipinto è ora in mostra alla National Gallery di Londra.

Molti pittori hanno usato il blu oltremare per dipingere la veste di Maria, madre di Gesù. Giovanni Sassoferrato (1609-1685) produsse uno degli esempi più vividi quando dipinse La Vergine in preghiera tra il 1640 e il 1650. L'olio su tela è esposto alla National Gallery di Londra.

Guarda il video: OCCIDENTALI'S CRAFTA - PARODIA Occidentali's Karma - Francesco Gabbani (Giugno 2020).