Rocce

Gesso



Un calcare marino composto principalmente da foraminiferi e resti di alghe.


Gesso calcareo: Un gesso calcareo a grana fine di colore chiaro formato dai resti scheletrici del carbonato di calcio di piccoli organismi marini.

Che cos'è il gesso?

Il gesso è una varietà di calcare composta principalmente da carbonato di calcio derivato dai gusci di piccoli animali marini noti come foraminiferi e dai resti calcarei delle alghe marine note come coccoliti. Il gesso è di solito bianco o di colore grigio chiaro. È estremamente poroso, permeabile, morbido e friabile.

Foraminifera bentonica: Viste al microscopio elettronico a scansione di sei diversi foraminiferi bentonici. In senso orario da in alto a sinistra: Elphidium incertum, Elphidium excavatum clavatum, Trochammina squamata, Buccella frigida, Eggerella advena, e Beccarii di ammoniaca. I gusci di carbonato di calcio di organismi come questi possono accumularsi per formare il gesso. Immagini dell'indagine geologica degli Stati Uniti.

Come si forma il gesso?

Il gesso si forma da un sedimento marino a grana fine noto come melma. Quando i foraminiferi, le alghe marine o altri organismi che vivono sul fondo o nelle acque sopra muoiono, i loro resti affondano sul fondo e si accumulano sotto forma di melma. Se la maggior parte dei detriti organici accumulati è costituita da carbonato di calcio, il gesso sarà il tipo di roccia che si forma dalla melma. Tuttavia, se l'accumulo di detriti organici proviene da diatomee e radiolari, la melma sarà costituita principalmente da silice e il tipo di roccia che forma sarà la diatomite.

Numerosi depositi di gesso si trovano in molte parti del mondo. Si formano spesso in acque profonde dove sedimenti clastici da corsi d'acqua e azione da spiaggia non dominano la sedimentazione. Possono anche formarsi nei mari epeirici sulla crosta continentale e sulla piattaforma continentale durante i periodi di alto livello del mare.

Scogliere di gesso: Cose come fossili e selce si trovano spesso sulle scogliere di gesso. Mentre il gesso soffice si allontana, i noduli di selce cadono sulla spiaggia sottostante. Immagine delle scogliere di gesso lungo il Mar Baltico, foto

Il gesso è ampiamente conosciuto tra la gente dell'Europa occidentale e alcune altre parti del mondo perché è una roccia bianca brillante che può formare scogliere verticali lungo le coste. Le scogliere di gesso sono erose a livello dell'acqua dall'azione delle onde e quando la base della scogliera è sottosquadro, i crolli si verificano quando la sottosquadro raggiunge un'articolazione verticale o un altro piano di debolezza.

Le spettacolari scogliere su entrambi i lati del Canale della Manica sono composte da gesso. Sono conosciute come le “White Cliffs of Dover” sul lato del Canale del Regno Unito e il Cap Blanc-Nez lungo la costa della Francia. Il tunnel della Manica inglese, soprannominato "The Chunnel", che collega Inghilterra e Francia, fu annoiato attraverso il West Melbury Marly Chalk, una fitta ed estesa unità di gesso che sta alla base dell'area.

Cretaceo: A Time of Chalk

Molto gesso fu depositato durante il periodo cretaceo del tempo geologico. Fu un periodo di alto livello globale del mare che iniziò alla fine del periodo giurassico circa 145 milioni di anni fa e l'inizio del periodo paleogene circa 66 milioni di anni fa. Durante il Cretaceo, acque calde di mari epeirici, mari che inondavano la crosta continentale durante i massimi del livello del mare, esistevano in molte parti del mondo.

Le acque calde dei mari epeirici hanno facilitato la deposizione di gesso perché il carbonato di calcio è più solubile in acqua fredda anziché in acqua calda e perché gli organismi che producono detriti scheletrici di carbonato di calcio produrranno più attivamente in acqua calda. Più gesso si formò durante il periodo Cretaceo rispetto a qualsiasi altro periodo nella storia geologica. Il Cretaceo ha ricevuto il suo nome dopo la parola latina creta, che significa "gesso".

Gesso grosso: Un esemplare di gesso con una granulometria grossolana proveniente dal bacino Kristianstad in età cretacea raccolto in una cava di ghiaia vicino alla comunità di Luneburg, nel nord della Germania. Questo esemplare proviene dalla collezione geologica del Museo della città di Berlino e l'immagine è utilizzata con una licenza Creative Commons. Clicca per ingrandire.

Identificazione del gesso

Le chiavi per identificare il gesso sono la sua durezza, il suo contenuto fossile e la sua reazione acida. A prima vista, la diatomite e la roccia di gesso hanno un aspetto simile. Un esame con una lente a mano rivelerà spesso il contenuto fossile, separandolo dal gesso. La sua reazione con acido cloridrico diluito (5%) lo separerà sia dal gesso che dalla diatomite.

La reazione acida ti sorprenderà se sei abituato a testare altri tipi di calcare e non hai mai testato il gesso. Quando si applica una goccia di acido, l'azione capillare la spinge in profondità negli spazi dei pori del campione. Lì, l'enorme superficie del carbonato di calcio che contatta la goccia di acido produce di solito una spettacolare effervescenza. Invece di tenere il campione in mano durante il test, posizionarlo su una superficie che non sarà danneggiata dall'acido, con un paio di asciugamani di carta sotto di esso. Non vuoi avere il campione in mano ed essere sorpreso dall'effervescenza.

Produzione di petrolio e gas dal gesso: Mappa che mostra l'ubicazione della produzione di petrolio e gas nell'Austin Chalk del Texas, Louisiana, Arkansas e Mississippi. I campi sono mostrati in giallo, mentre le posizioni dei pozzi sono mostrate in verde e rosso. Immagine dell'indagine geologica degli Stati Uniti. 1 Fai clic per ingrandire.

Porosità e permeabilità del gesso

A livello microscopico può esserci molto spazio tra le particelle fossili che compongono il gesso. La terra sottoposta a gesso direttamente sotto il terreno è spesso ben drenata. In queste aree, l'acqua che si infiltra nel terreno incontra la cima del gesso e scorre facilmente negli spazi dei pori del gesso. Quindi scorre verso il basso fino alla falda freatica e quindi segue la direzione del flusso delle acque sotterranee verso un flusso o un altro corpo di acque superficiali. In alcune aree le persone perforano i pozzi d'acqua in strati di gesso sotterranei per l'approvvigionamento idrico residenziale, commerciale e comunitario.

Nelle aree in cui petrolio e gas naturale si formano nel sottosuolo, gli spazi porosi del gesso possono servire da serbatoio. Molti giacimenti di petrolio e gas si trovano dove unità di gesso sotterraneo fungono da serbatoi. Austin Chalk è un'unità rocciosa sotterranea sotto parti del Texas, dell'Arkansas, della Louisiana e del Mississippi. Produce petrolio e gas naturale da serbatoi convenzionali e continui. 1

Informazioni sul gesso
1 Modelli geologici e valutazione di risorse petrolifere e di gas convenzionali e continue non scoperte - Upper Cretaceous Austin Chalk, Stati Uniti Costa del Golfo: di Krystal Pearson, United States Geological Survey, Scientific Investigations Report 2012-5159, 2012, 26 pagine.

Lavagne e Gesso

Piccoli pezzi di gesso sono stati usati dagli studenti per oltre 1000 anni per scrivere su piccole lavagne e pannelli di classe noti come "lavagne". È un materiale di scrittura economico e cancellabile e l'uso più noto del gesso. Gran parte della scrittura iniziale sulla lavagna è stata fatta con pezzi di gesso naturale o gesso naturale.

Oggi pezzi di gesso naturale e gesso naturale sono stati sostituiti da bastoncini fabbricati con gesso naturale; bastoncini fabbricati con altre fonti di carbonato di calcio; o bastoncini fabbricati con gesso naturale. Il gesso è il più morbido e scrive più liscio; tuttavia, produce più polvere del gesso carbonato di calcio. Il gesso carbonato di calcio è più duro, richiede più pressione per produrre segni larghi e produce meno polvere. A volte viene commercializzato come "gesso senza polvere" ma questa descrizione non è del tutto vera. Anche se la maggior parte del gesso oggi non è fatto con gesso minerale, le persone usano ancora il nome "gesso" per questo materiale di scrittura familiare.

Guarda il video: IL MIO AMICO COL GESSO (Giugno 2020).