Rocce

Obsidian



Che cos'è l'Ossidiana, come si forma e a cosa serve?


Obsidian: Il campione mostrato sopra ha una larghezza di circa cinque pollici (cinque centimetri). Le creste semi-concentriche curve sono segni di rottura associati alla frattura concoidale dell'ossidiana. La roccia ha bordi molto affilati.

Che cos'è l'Ossidiana?

L'ossidiana è una roccia ignea che si forma quando il materiale roccioso fuso si raffredda così rapidamente che gli atomi non sono in grado di sistemarsi in una struttura cristallina. È un materiale amorfo noto come "mineraloide". Il risultato è un vetro vulcanico con una consistenza liscia e uniforme che si rompe con una frattura concoidale (vedi foto).

Da dove viene l'ossidiana?

L'ossidiana è di solito una roccia estrusiva, che si solidifica sopra la superficie terrestre. Tuttavia, può formarsi in una varietà di ambienti di raffreddamento:

  • lungo i bordi di un flusso di lava (estrusivo)
  • lungo i bordi di una cupola vulcanica (estrusiva)
  • attorno ai bordi di un davanzale o una diga (invadente)
  • dove la lava contatta l'acqua (estrusiva)
  • dove la lava si raffredda mentre è sospesa nell'aria (estrusiva)

Tipi di ossidiana: Gli esemplari mostrati sopra provengono dal sito di rockhound di Glass Butte nell'Oregon centrale. Mostra la diversità dei tipi di ossidiana che si possono trovare in una piccola area geografica. In senso orario da sinistra in alto sono: ossidiana a doppio flusso, ossidiana arcobaleno, ossidiana nera, ossidiana di zucca, ossidiana di mogano, ossidiana lucentezza d'oro, e il pezzo al centro è lucentezza d'oro. La bella foto sopra è dalla pagina del sito Glass Butte Rockhounding sul sito web della Deschutes National Forest.

Ossidiana di mogano: Un esemplare lucidato a tamburo di "ossidiana di mogano".

Di che colore è l'ossidiana?

Rainbow Obsidian: Un cabochon barocco di iridescente "ossidiana arcobaleno".

Il nero è il colore più comune dell'ossidiana. Tuttavia, può anche essere marrone, marrone chiaro o verde. Raramente, l'ossidiana può essere blu, rossa, arancione o gialla. Si pensa che i colori siano causati principalmente da oligoelementi o inclusioni.

Occasionalmente due colori di ossidiana saranno fatti roteare insieme in un singolo esemplare. La combinazione di colori più comune è l'ossidiana nera e marrone roteata insieme - che si chiama "ossidiana mogano" (vedi foto).

Come "vetro", l'ossidiana è chimicamente instabile. Con il passare del tempo, qualche ossidiana inizia a cristallizzare. Questo processo non avviene ad un ritmo uniforme in tutta la roccia. Invece inizia in vari punti all'interno della roccia. In queste posizioni, il processo di cristallizzazione forma ammassi radiali di cristalli di cristobalite bianchi o grigi all'interno dell'ossidiana. Se tagliati e lucidati, questi esemplari vengono definiti "ossidiana di fiocchi di neve" (vedi foto).

Raramente, l'ossidiana ha una "lucentezza" iridescente o metallica causata dalla luce che si riflette dalle minuscole inclusioni di cristalli minerali, detriti di roccia o gas. Questi esemplari colorati sono noti come "ossidiana arcobaleno", "ossidiana d'oro" o "ossidiana d'argento", a seconda del colore della lucentezza o dell'iridescenza. Questi esemplari sono molto desiderabili per la fabbricazione di gioielli.

Ossidiana fiocco di neve: Un esemplare lucidato a tamburo di "ossidiana fiocco di neve".

Qual è la composizione di ossidiana?

La maggior parte degli ossidiani ha una composizione simile alla riolite e al granito. Graniti e rioliti possono formarsi dallo stesso magma dell'ossidiana e sono spesso geograficamente associati all'ossidiana.

Raramente, i vetri vulcanici si trovano con una composizione simile al basalto e al gabbro. Queste rocce vetrose sono chiamate "tachylyte".

Ci sono altre rocce ignee vetrose?

Pomice, scoria e tachylyte sono altri vetri vulcanici formati da un rapido raffreddamento. La pomice e la scoria si differenziano dall'ossidiana per l'abbondanza di vescicole: cavità nella roccia prodotte quando bolle di gas erano intrappolate in una fusione solidificante. Tachylyte differisce nella composizione - ha una composizione simile al basalto e al gabbro.

Affioramento di ossidiana: Ossidiana lungo il bordo di un flusso di lava nell'Oregon centrale.

Lama di ossidiana: Una lama di coltello fabbricata con ossidiana di mogano. L'artigiano che ha realizzato questa lama aveva un livello di abilità molto elevato ed era in grado di produrre un bordo seghettato.

Presenza di ossidiana

L'ossidiana si trova in molte località del mondo. È limitato alle aree di attività vulcanica geologicamente recente. L'ossidiana di età superiore a qualche milione di anni è rara perché la roccia vetrosa viene rapidamente distrutta o alterata da agenti atmosferici, calore o altri processi.

Depositi significativi di ossidiana si trovano in Argentina, Canada, Cile, Ecuador, Grecia, Guatemala, Ungheria, Islanda, Indonesia, Italia, Giappone, Kenya, Messico, Nuova Zelanda, Perù, Russia, Stati Uniti e molte altre località.

Negli Stati Uniti non si trova ad est del fiume Mississippi, in quanto non vi è alcuna attività vulcanica geologicamente recente. Negli Stati Uniti occidentali si trova in molte località in Arizona, California, Idaho, Nevada, New Mexico, Oregon, Washington e Wyoming. La maggior parte dell'ossidiana utilizzata nel commercio di gioielli è prodotta negli Stati Uniti.

Punto di lancia dell'ossidiana: Una punta di lancia modellata da ossidiana nera opaca.

Kit rock e minerali: Ottieni un kit di rocce, minerali o fossili per saperne di più sui materiali della Terra. Il modo migliore per conoscere le rocce è avere campioni disponibili per prove ed esami.

Usi di ossidiana come utensile da taglio

La frattura conchoidale dell'ossidiana fa sì che si rompa in pezzi con superfici curve. Questo tipo di frattura può produrre frammenti di roccia con bordi molto affilati. Questi frammenti taglienti potrebbero aver spinto il primo utilizzo dell'ossidiana da parte delle persone.

Il primo uso dell'ossidiana da parte delle persone probabilmente si è verificato quando un pezzo tagliente di ossidiana è stato usato come utensile da taglio. Le persone hanno quindi scoperto come rompere abilmente l'ossidiana per produrre utensili da taglio in una varietà di forme. L'ossidiana veniva usata per creare coltelli, punte di freccia, punte di lancia, raschietti e molte altre armi e strumenti.

Una volta fatte queste scoperte, l'ossidiana divenne rapidamente la materia prima di preferenza per la produzione di quasi tutti gli oggetti appuntiti. La roccia facile da riconoscere divenne uno dei primi obiettivi del "mining" organizzato. Probabilmente è una scommessa sicura che tutti gli affioramenti di ossidiana naturale che sono noti oggi sono stati scoperti e utilizzati da persone antiche.

Lacrime di Apache: "Apache Tears" è un nome usato per piccoli noduli di ossidiana di circa un pollice o meno che possono essere trovati nelle aree vulcaniche degli Stati Uniti sud-occidentali. Il loro nome deriva da una leggenda dei nativi americani. Durante una battaglia tra Apache e la cavalleria degli Stati Uniti nel 1870, gli Apache in numero superiore, affrontando la sconfitta, cavalcarono i loro cavalli su una scogliera piuttosto che lasciarsi uccidere dal loro nemico. Dopo aver ascoltato la storia della battaglia, le lacrime dei loro familiari si sono trasformate in pietra quando hanno colpito il terreno. Quelle pietre si trovano ora come noduli di ossidiana nera. Le persone che praticano il burattarsi della roccia spesso lucidano le lacrime di Apache. Sono difficili da lucidare perché le ossidiane si scheggiano e si ammaccano facilmente. Il successo si verifica quando vengono ammortizzati durante il burattamento con pezzi più piccoli di supporti ceramici ruvidi o piccoli.

Produzione e commercio dell'età della pietra

La produzione di strumenti di ossidiana da parte dell'uomo risale all'età della pietra. In alcune località, tonnellate di scaglie di ossidiana rivelano la presenza di antiche "fabbriche". Alcuni di questi siti hanno detriti di scarto sufficienti per suggerire che molte persone hanno lavorato lì per decenni producendo una varietà di oggetti di ossidiana. Costruire punte di freccia, punte di lancia, lame di coltelli e raschietti di ossidiana, grano o pietra focaia potrebbe essere stata la prima "industria manifatturiera" al mondo.

L'ossidiana era così apprezzata per questi usi che gli antichi estraevano, trasportavano e commerciavano oggetti di ossidiana e ossidiana su distanze fino a mille miglia. Gli archeologi sono stati in grado di documentare la geografia di questo commercio abbinando le caratteristiche dell'ossidiana negli affioramenti con le caratteristiche dell'ossidiana negli utensili da taglio. Uno studio condotto dall'Idaho National Laboratory ha utilizzato studi di composizione mediante fluorescenza a raggi X per identificare gli affioramenti di sorgenti di manufatti di ossidiana e mappare il loro uso negli Stati Uniti occidentali.

Obsidian in Modern Surgery

Sebbene l'uso di una roccia come strumento di taglio possa sembrare "attrezzatura dell'età della pietra", l'ossidiana continua a svolgere un ruolo importante nella chirurgia moderna. L'ossidiana può essere utilizzata per produrre un tagliente più sottile e affilato del miglior acciaio chirurgico. Oggi, sottili lame di ossidiana sono collocate in bisturi chirurgici utilizzati per alcuni degli interventi chirurgici più precisi. In studi controllati, le prestazioni delle lame di ossidiana sono state pari o superiori alle prestazioni dell'acciaio chirurgico.

Gioielli di ossidiana: Cabochon di ossidiana in mogano e fiocco di neve con pendenti in argento sterling.

Ossidiana per terzine opale: Un sottile pezzo di ossidiana viene spesso utilizzato come materiale di "supporto" per doppiette e terzine di opale. L'ossidiana nera aggiunge stabilità all'opale e fornisce un colore di sfondo scuro che contrasta con il fuoco dell'opale.

Usi di ossidiana in gioielleria

L'ossidiana è una gemma popolare. Viene spesso tagliato in perline e cabochon o usato per fabbricare pietre burrattate. L'ossidiana è talvolta sfaccettata e lucidata in perle altamente riflettenti. Alcuni esemplari trasparenti sono sfaccettati per produrre gemme interessanti.

L'uso dell'ossidiana nei gioielli può essere limitato dalla sua durata. Ha una durezza di circa 5,5 che lo rende facile da graffiare. Manca anche la resistenza ed è facilmente rotto o scheggiato all'impatto. Questi problemi di durabilità rendono l'ossidiana una pietra inappropriata per anelli e bracciali. È più adatto per l'uso in pezzi a basso impatto come orecchini, spille e pendenti.

L'ossidiana viene anche utilizzata nella realizzazione di doppietti e terzine di opale. Fette sottili o frammenti di opale sono incollati a una sottile fetta di ossidiana per formare una pietra composita. L'ossidiana nera fornisce uno sfondo economico e contrastante che rende il fuoco colorato dell'opale molto più evidente. Inoltre aggiunge massa e stabilità all'opale che facilita il taglio in una gemma.

Altri usi di ossidiana

I pezzi di ossidiana appena rotti hanno una lucentezza molto elevata. Gli antichi notarono che potevano vedere un riflesso nell'ossidiana e lo usavano come uno specchio. Successivamente, i pezzi di ossidiana sono stati rettificati e lucidati per migliorare le loro capacità di riflessione.

La durezza di Obsidian di 5,5 rende relativamente facile da intagliare. Gli artisti hanno usato l'ossidiana per realizzare maschere, piccole sculture e figurine per migliaia di anni.

Guarda il video: Steven Universe. Obsidian vs White Diamond Robot. Change Your Mind. Cartoon Network (Giugno 2020).