Rocce

Depositi Australia di scisto bituminoso



Ristampa di: Rapporto di indagini scientifiche sugli studi geologici degli Stati Uniti 2005-5294Di John R. Dyni

Australia Oil Shale

Mappa dei depositi di scisti bituminosi in Australia (località dopo Crisp e altri, 1987; e Cook e Sherwood 1989). Clicca per ingrandire la mappa.

I depositi di scisti bituminosi in Australia vanno da piccoli e non economici a depositi abbastanza grandi per lo sviluppo commerciale. Le risorse "dimostrate" di scisto bituminoso dell'Australia ammontano a 58 miliardi di tonnellate, dalle quali circa 3,1 miliardi di tonnellate di petrolio (24 miliardi di barili) sono recuperabili (Crisp e altri, 1987, p. 1).

I depositi australiani di scisto bituminoso variano in età dal Cambriano al Terziario e hanno origini diverse. I depositi si trovano nel terzo orientale del paese, tra cui Queensland, Nuovo Galles del Sud, Australia Meridionale, Victoria e Tasmania. I depositi con il miglior potenziale di sviluppo economico sono quelli situati nel Queensland e comprendono i depositi lacustri di Rundle, Stuart e Condor in età terziaria. Lo scisto bituminoso marino di Toolebuc dell'età del primo Cretaceo occupa una vasta area principalmente nel Queensland. I depositi di torbanite a Joadja Creek e Glen Davis nel Nuovo Galles del Sud e i depositi di tasmanite in Tasmania furono estratti per olio di scisto nella seconda metà del 1800 e nei primi del 1900. Le restanti risorse di questi depositi di alta qualità non sono rilevanti dal punto di vista commerciale (Alfredson, 1985, p. 162). Parte della colorata storia delle operazioni di scisto bituminoso a Joadja Creek è descritta da Knapman (1988). Glen Davis, che fu chiuso nel 1952, fu l'ultima operazione di scisto bituminoso in Australia fino a quando il Progetto Stuart iniziò a funzionare alla fine degli anni '90. Circa 4 milioni di tonnellate di scisto bituminoso furono estratte in Australia tra il 1860 e il 1952 (Crisp e altri, 1987, loro fig. 2).

Torbanite

Gran parte della prima produzione di scisti bituminosi in Australia proveniva dai depositi di torbanite del Nuovo Galles del Sud. Tra il 1860 e il 1960 furono sfruttati ben 16 depositi. Durante i primi anni dell'estrazione, la torbanite veniva utilizzata per l'arricchimento di gas in Australia e all'estero, ma venivano anche prodotti oli di paraffina, cherosene e olio per la conservazione e la lubrificazione del legno. Più tardi, nel 1900, la torbanite fu usata per produrre benzina. Sebbene la torbanite sia stata dosata da 480 a 600 l / t, l'alimentazione media alla storta era probabilmente tra 220 e 250 l / t. Di 30 depositi nel Nuovo Galles del Sud, 16 sono stati sfruttati commercialmente (Crisp e altri, 1987, p. 6).

Due piccoli depositi di torbanite sono stati studiati nel Queensland. Questi includono il deposito Alpha di piccole dimensioni ma di alta qualità, che costituisce una potenziale risorsa in situ di 19 milioni di barili statunitensi (Mezzogiorno, 1984, p. 4) e un deposito minore a Carnarvon Creek.

Oil Shale - Menu Paese

Tasmanite

Diverse compagnie hanno tentato di sviluppare i depositi di tasmanite marini dell'età permiana in Tasmania all'inizio del 1900. Tra il 1910 e il 1932, un totale di 1.100 m3 (circa 7.600 barili) di olio di scisto fu prodotto da diverse operazioni intermittenti. Ulteriori sviluppi sono improbabili se non si trovano nuove risorse (Crisp e altri, 1987, pagg. 7-8).

Toolebuc Oil Shale

Lo scisto bituminoso nella formazione marina di Toolebuc della prima età del Cretaceo è alla base di circa 484.000 km2 in alcune parti dei bacini di Eromanga e Carpenteria nel Queensland e negli Stati adiacenti. La zona di scisto bituminoso varia da 6,5 ​​a 7,5 m di spessore ma produce in media solo circa 37 l / t, rendendola una risorsa di basso livello. Tuttavia, si stima che la Formazione di Toolebuc contenga 245 miliardi di m3 (~ 1,7 trilioni di barili) di olio di scisto in situ. Escludendo lo scisto bituminoso dalla superficie ad una profondità di 50 m, circa il 20 percento (49 miliardi di m3 o 340 miliardi di barili) di risorse di olio di scisto tra le profondità di 50-200 m potrebbe essere prodotto da miniere a cielo aperto (Ozimic e Saxby, 1983, p. 1). Lo scisto bituminoso contiene anche potenziali risorse di uranio e vanadio. Una delle località più favorevoli per lo sviluppo dello scisto bituminoso è vicino a Julia Creek, dove lo scisto bituminoso è vicino alla superficie ed è suscettibile di estrazione a cielo aperto. Le risorse di olio di scisto nella formazione di Toolebuc adatte per l'estrazione a cielo aperto ammontano a 1,5 miliardi di barili statunitensi, ma attualmente lo scisto bituminoso è di livello troppo basso per lo sviluppo (Noon, 1984, p. 5).

La sostanza organica dello scisto bituminoso è composta in gran parte da bituminite, liptodetrinite e lamalginite (Hutton, 1988, p. 210; Sherwood and Cook, 1983, p. 36). Il rapporto atomico idrogeno / carbonio (H / C) della sostanza organica è di circa 1,1 ± 0,2 con elevata aromaticità (> 50 percento). Solo il 25 percento della sostanza organica si converte in petrolio mediante una replica tradizionale (Ozimic e Saxby, 1983).

Queensland orientale

A seguito dell'aumento del prezzo del greggio legato alla crisi petrolifera del 1973-74, l'esplorazione per lo scisto bituminoso in Australia è stata notevolmente accelerata. Diverse aziende hanno identificato o confermato considerevoli risorse di scisti bituminosi a Rundle, Condor, Duaringa, Stuart, Byfield, Mt. Coolon, Nagoorin e Yaamba nel Queensland orientale tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80. Tuttavia, nel 1986, i prezzi del greggio sono diminuiti drasticamente e l'interesse per lo sfruttamento dello scisto bituminoso è diminuito (Crisp e altri, 1987, p. 9).

Nove depositi terziari di scisto bituminoso nell'est del Queensland sono stati studiati mediante perforazioni esplorative del nucleo: Byfield, Condor, Duaringa, Lowmead, Nagoorin, Nagoorin South, Rundle, Stuart e Yaamba. La maggior parte di questi depositi è costituita da lamidi depositati in laghi di acqua dolce situati in Grabens, comunemente associati a paludi che formano carbone.

La frazione minerale è in genere composta da minerali di quarzo e argilla con minori quantità di siderite, minerali di carbonato e pirite. Le dimensioni dei depositi vanno da 1 a 17,4 miliardi di tonnellate di olio di scisto in situ con qualità di taglio di circa 50 l / t. Tre dei maggiori depositi sono Condor (17,4 miliardi di tonnellate), Nagoorin (6,3 miliardi di tonnellate) e Rundle (5,0 miliardi di tonnellate) (Crisp e altri, 1987).

Il deposito di scisti bituminosi di Stuart, stimato in 3 miliardi di barili di olio di scisto in situ, è in fase di sviluppo da parte delle compagnie del Southern Pacific Petroleum (SPP) e Central Pacific Minerals (CPM). A partire da febbraio 2003, 1,16 milioni di tonnellate di scisto bituminoso sono state estratte a cielo aperto da cui 702.000 barili di olio di scisto sono stati recuperati dal processo di replica di Taciuk. La produzione di olio di scisto ha luogo per 87 giorni di funzionamento dal 20 settembre 2003 al 19 gennaio 2004, con un picco di 3.700 barili al giorno e una media di 3.083 barili al giorno (Rapporto trimestrale SSP / CPM del dicembre 2003, 21 gennaio 2004). L'operazione Stuart è stata chiusa nell'ottobre 2004 per ulteriori valutazioni.

Guarda il video: The Third Industrial Revolution: A Radical New Sharing Economy (Giugno 2020).