Rocce

Depositi di petrolio e scisto di Israele e Giordania



Ristampa di: Rapporto di indagini scientifiche sugli studi geologici degli Stati Uniti 2005-5294Di John R. Dyni

Israele e Giordania Oil Shale

Mappa dei depositi di scisti bituminosi in Israele (località dopo Minster, 1994). Inoltre, depositi di scisti bituminosi in Giordania (località dopo Jaber e altri, 1997; e, Hamarneh, 1998). Clicca per ingrandire la mappa.

Israele

Venti depositi di marinite di età tardo cretacea sono stati identificati in Israele (fig. 10; Minster, 1994), contenente circa 12 miliardi di tonnellate di riserve di scisto bituminoso con un valore di riscaldamento medio di 1.150 kcal / kg di roccia e una resa media di petrolio di 6 percento in peso. Spessori compresi tra 35 e 80 m sono stati riportati da Fainberg in Kogerman (1996, p. 263) e da 5 a 200 m da PAMA, Ltd. (2000?). Il contenuto organico degli scisti bituminosi è relativamente basso, compreso tra il 6 e il 17 percento in peso, con una resa in olio di soli 60-71 l / t. Il contenuto di umidità è elevato (~ 20 percento) così come il contenuto di carbonato (dal 45 al 70 percento di calcite) e il contenuto di zolfo (dal 5 al 7 percento in peso) (Minster, 1994). Alcuni depositi possono essere estratti con metodi a cielo aperto. Un letto di roccia fosfatica commercialmente sfruttabile, di spessore compreso tra 8 e 15 m, è alla base dello scisto bituminoso nella miniera a cielo aperto di Mishor Rotem.

Utilizzando lo scisto bituminoso proveniente dal giacimento Rotem-Yamin, circa 55 tonnellate di scisto bituminoso all'ora sono state bruciate in una caldaia a letto fluido per alimentare un turbogeneratore a vapore in una centrale elettrica sperimentale da 25 megawatt gestita da PAMA Company. L'impianto è entrato in funzione nel 1989 (Fainberg e Hetsroni, 1996) ma ora è chiuso. Il grado dello scisto bituminoso Rotem non è uniforme; i valori di riscaldamento vanno da 650 a 1200 kcal / kg.

Oil Shale - Menu Paese

Giordania

La Giordania ha poche risorse di petrolio e gas e nessun deposito commerciale di carbone. Tuttavia, ci sono circa 26 depositi noti di scisti bituminosi, alcuni dei quali sono grandi e di qualità relativamente elevata (Jaber e altri, 1997; Hamarneh, 1998, p. 2). Gli otto più importanti di questi sono i depositi di Juref ed Darawish, Sultani, Wadi Maghar, El Lajjun, Attarat Umm Ghudran, Khan ez Zabib, Siwaga e Wadi Thamad. Questi otto depositi si trovano nella Giordania centro-occidentale a 20-75 km a est del Mar Morto. El Lajjun, Sultani e Juref ed Darawish sono stati i più ampiamente esplorati dai pozzi e molti campioni sono stati analizzati. La tabella 5 riassume alcuni dei dati geologici e delle risorse per gli otto depositi.

I depositi giordani di scisto bituminoso sono mariniti del tardo cretaceo (Maastrichtiano) fino all'età terziaria. Numerosi depositi sono in graben e alcuni potrebbero rivelarsi parti di depositi più grandi, come il deposito di Wadi Maghar che ora è considerato l'estensione meridionale del deposito di Attarat Umm Ghudran. I depositi elencati nella tabella 5 sono a profondità basse, in letti essenzialmente orizzontali. Circa il 90 percento dello scisto bituminoso è suscettibile di estrazione a cielo aperto (Hamarneh, 1998, p. 5). Il sovraccarico è costituito da ghiaia e limo non consolidati contenenti alcuni traversi di pietra arenaria e calcare e, in alcune aree, basalto. Complessivamente, gli scisti bituminosi si addensano verso nord verso il deposito di Yarmouk vicino al confine settentrionale della Giordania, dove quest'ultimo si estende apparentemente in Siria e potrebbe rivelarsi un deposito eccezionalmente grande, sottostante diverse centinaia di chilometri quadrati e raggiungere uno spessore di 400 m (Tsevi Minster, 1999 , scritto comun.).

Gli scisti bituminosi nella Giordania centrale si trovano nell'unità marina Chalk-Marl, che è sostenuta dal calcare fosfatico e dal nucleo dell'unità di fosforite. Gli scisti bituminosi sono in genere marroni, grigi o neri e presentano un caratteristico grigio bluastro chiaro. Il contenuto di umidità dello scisto bituminoso è basso (dal 2 al 5,5 percento in peso), mentre i depositi comparabili di scisto bituminoso in Israele hanno un contenuto di umidità molto più elevato dal 10 al 24 percento (Tsevi Minster, 1999, scritto comune). Calcite, quarzo, caolinite e apatite costituiscono i principali componenti minerali dello scisto bituminoso El Lajjun, insieme a piccole quantità di dolomite, feldspato, pirite, illite, goethite e gesso. Il contenuto di zolfo dell'olio di scisto giordano varia dallo 0,3 al 4,3 percento. Il contenuto di zolfo dell'olio di scisto proveniente dai depositi di Jurf ed Darawish e Sultani è elevato, rispettivamente dell'8 e del 10 percento. Di interesse è il contenuto di metallo relativamente alto degli scisti bituminosi dai depositi di Jurf el Darawish, Sultani ed El Lajjun, in particolare Cu (68-115 ppm), Ni (102-167 ppm), Zn (190-649 ppm), Cr (226-431 ppm) e V (101-268 ppm) (Hamarneh, 1998, p. 8). La roccia fosfatica è alla base del deposito di El Hasa.

Le acque superficiali per le operazioni di scisto bituminoso sono scarse in Giordania; pertanto, le acque sotterranee dovranno essere sfruttate per le operazioni di scisto bituminoso. Una falda acquifera poco profonda che è alla base del deposito di El Lajjun e fornisce acqua dolce ad Amman e ad altri comuni della Giordania centrale, ha una capacità troppo piccola per soddisfare anche le esigenze di un'industria petrolifera. Una falda acquifera più profonda nella Formazione di Kurnub, 1.000 m sotto la superficie, può essere in grado di fornire un adeguato approvvigionamento di acqua, ma questa e altre potenziali fonti di acque sotterranee necessitano di ulteriori studi.

Guarda il video: Cos'è il gas non convenzionale? (Febbraio 2020).