Records

Il più grande terremoto registrato al mondo



9.5 Magnitudo - 22 maggio 1960 vicino a Valdivia, Cile

Terremoto più grande del mondo - mappa dello tsunami: Il terremoto cileno ha prodotto un potente tsunami che ha viaggiato a una velocità di circa 200 miglia all'ora attraverso l'Oceano Pacifico. L'ondata ha ucciso 61 persone alle Hawaii, 138 in Giappone e 32 nelle Filippine. La stella indica la posizione dell'epicentro e i numeri sulle linee di contorno sono i tempi di percorrenza in ore per il fronte d'onda. Immagine di NOAA. Ingrandire la mappa.

"Il grande terremoto cileno"

Il più grande terremoto del mondo con una portata strumentalmente documentata si è verificato il 22 maggio 1960 vicino a Valdivia, nel sud del Cile. Fu assegnato un magnitudo di 9.5 dall'indagine geologica degli Stati Uniti. Viene chiamato il "Grande terremoto cileno" e il "Terremoto della Valdivia del 1960".

L'indagine geologica degli Stati Uniti riporta questo evento come "il più grande terremoto del 20 ° secolo". Altri terremoti nella storia registrata potrebbero essere stati più grandi; tuttavia, questo è il più grande terremoto che si è verificato da quando sono state possibili stime accurate della grandezza nei primi anni del 1900.

Terremoto più grande - danno da tsunami: Una veduta aerea del danno causato lungo la costa del Cile dagli tsunami. Questa scena mostra parte di una comunità costiera in cui le case sono state strappate dalle loro fondamenta e sballottate dalle onde. Il danno era quasi totale in queste aree. Immagine NOAA di Pierre St. Amand.

Danni locali causati da Ground Motion e Tsunami

Il terremoto si è verificato sotto l'Oceano Pacifico al largo delle coste del Cile. Il movimento al suolo di questo terremoto ha distrutto o danneggiato migliaia di edifici. Il governo cileno ha stimato che circa 2.000.000 di persone fossero rimaste senza tetto. Fu una fortuna che il terremoto si verificò nel mezzo del pomeriggio e fu preceduto da un potente scorcio. Quel foreshock ha spaventato la maggior parte delle persone dai loro edifici, mettendole all'esterno quando si è verificato il terremoto principale.

La maggior parte dei danni e delle morti sono stati causati da una serie di tsunami generati dal terremoto. Queste onde hanno investito le aree costiere pochi istanti dopo il terremoto. Spinsero gli edifici dalle loro fondamenta e affogarono molte persone.

Esistono diverse stime di vittime per questo terremoto. Esse vanno da un minimo di 490 a un massimo di "circa 6000". La maggior parte delle vittime è stata causata da tsunami in Cile e da movimenti di terra. Tuttavia, persone lontane come le Filippine sono state uccise da questo evento.

Si stima che i costi del danno fossero compresi tra $ 400 e $ 800 milioni in 1960 dollari, che oggi sarebbero circa $ 3 - $ 6 miliardi, adeguati all'inflazione.

Danno sismico a Valdivia: Fotografia di edifici in Valdivia, Cile danneggiati dal terremoto. Questa foto mostra le case situate in un'area soggetta a riempimento. Scivolarono in discesa quando il terreno inondato sotto di loro fallì. Immagine NOAA di Pierre St. Amand.

Danni dello tsunami

Questo è uno dei pochi terremoti che ha ucciso un gran numero di persone in luoghi distanti. Gli tsunami generati dal sisma hanno attraversato l'Oceano Pacifico a una velocità di oltre 200 miglia all'ora. Cambiamenti nel livello del mare sono stati notati in tutto il bacino dell'Oceano Pacifico.

Quindici ore dopo il terremoto, uno tsunami con un dislivello di 35 piedi ha investito le aree costiere delle Hawaii. Molte strutture costiere e edifici vicino alle aree costiere furono distrutti. Vicino a Hilo, nelle Hawaii, 61 persone sono state uccise dalle onde.

In California, molte piccole imbarcazioni furono danneggiate mentre le onde attraversavano i porti turistici. A Crescent City, un'onda ha avuto un insediamento di circa 5 piedi e ha causato danni alle strutture del litorale e alle piccole imbarcazioni.

Onde alte fino a 18 piedi hanno colpito l'isola di Honshu, in Giappone, circa 22 ore dopo il terremoto. Lì distrusse più di 1600 case e lasciò 185 persone morte o disperse. Altre 32 persone sono state uccise nelle Filippine circa 24 ore dopo il terremoto. I danni si sono verificati anche sull'isola di Pasqua e nelle Samoa.

Danni da tsunami a Queule: Prima e dopo le fotografie del villaggio di Queule, in Cile. Quest'area è stata danneggiata dal cedimento del terreno ed è stata inondata dallo tsunami. Case, barche e alberi sradicati furono lavati fino a un miglio nell'entroterra da uno tsunami alto 13 piedi. Immagine NOAA di Pierre St. Amand.

Subsidence e Uplift

L'indagine geologica degli Stati Uniti riporta che c'erano circa un metro e mezzo di subsidenza lungo la costa cilena dall'estremità meridionale della penisola di Arauco a Quellon sull'isola di Chiloe. Ciò ha lasciato numerosi edifici al di sotto del livello dell'acqua durante l'alta marea. Fino a dieci piedi di sollevamento si sono verificati a Isla Guafo.

Tettonica

Questo è stato un terribile terremoto che si è verificato a una profondità di circa 20 miglia, dove la Placca di Nazca sta subdottando sotto la Placca sudamericana. Ha prodotto una zona di rottura lunga 500 miglia che si estende da Talca, in Cile, all'arcipelago di Chiloe. Numerosi grandi terremoti si sono verificati in quest'area prima e dopo l'evento del 22 maggio 1960.

Dodici più grandi terremoti del mondo


Include tutti i terremoti misurati dal 1900
GrandezzaPosizioneData
9.5Chile05/22/1960
9.2Alaska03/28/1964
9.1Al largo della costa settentrionale di Sumatra12/26/2004
9.1Honshu, Giappone03/11/2011
9.0Kamchatka11/04/1952
8.8Al largo della costa del Cile02/27/2010
8.8Al largo della costa dell'Ecuador01/31/1906
8.7Rat Islands, Alaska02/04/1965
8.6Tibet08/15/1950
8.6Al largo della costa settentrionale di Sumatra04/11/2012
8.6Sumatra Settentrionale03/28/2005
8.6Isole Andreanof, Alaska03/09/1957
Dati provenienti dall'indagine geologica degli Stati Uniti.

Foreshocks

Il terremoto è stato preceduto da quattro avambracci di magnitudo 7,0. Il più grande è stato un terremoto di magnitudo 7,9 un giorno prima che ha causato danni significativi nell'area di Concepción.

Danni da tsunami alle Hawaii: Una foto di un'area danneggiata dallo tsunami a Hilo, Hawaii. L'area in primo piano era libera da macchinari pesanti, rulli per mulini e scorte di metallo disseminate dall'onda. Foto USGS.

Rilascio globale del momento sismico: Durante i 100 anni tra il 1906 e il 2005, tre terremoti hanno rappresentato quasi la metà del rilascio sismico totale del mondo. Il terremoto della Valdivia del 1960 ha rappresentato oltre il 20% del rilascio sismico globale. La larghezza del sottile cuneo nero alle 3:00 poco più in alto sul grafico rappresenta l'uscita del micidiale terremoto di San Francisco del 1906.

Danni alle Hawaii

(Citato da: Tsunami alle Hawaii. Lander, James F. e Lockridge, Patricia A., 1989, in: Tsunami degli Stati Uniti 1690-1988: Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica.)

"Un devastante terremoto (magnitudo 8.6) al largo della costa del Cile centrale ha generato uno tsunami che ha colpito l'intero bacino del Pacifico. In generale, l'azione delle onde lungo le coste hawaiane è stata tranquilla, simile a quella della marea, sebbene avesse un periodo più breve e una portata maggiore Ha ucciso 61 persone e ferito gravemente 43.

Nella baia di Hilo, tuttavia, la terza ondata è stata convertita in un foro che si è allagato verso l'interno fino al profilo di 6 m. Quasi 240 ettari (600 acri) nell'entroterra del porto di Hilo sono stati inondati, e tutti i decessi e 23,5 milioni di dollari di danni si sono verificati in questa zona. (Le stime del danno alle Hawaii variano da $ 75 milioni a Talley and Cloud (1962), a $ 20 milioni a Wall (1960). Un totale di circa $ 24 milioni per le Hawaii è dato dall'ufficio hawaiano della protezione civile.)

In quasi la metà di quest'area si è verificata la distruzione totale. Nell'area della massima distruzione, rimasero in piedi solo edifici di cemento armato o acciaio strutturale, e pochi altri riparati da questi edifici - e anche questi furono generalmente sventrati. Gli edifici a telaio o sono stati schiacciati o fatti galleggiare quasi fino ai limiti delle inondazioni. Dozzine di automobili furono distrutte; un trattore di 10 tonnellate in uno showroom è stato spazzato via; macchinari pesanti, rulli per mulini e scorte di metallo erano sparpagliati. Le rocce che pesavano fino a 20 tonnellate sono state strappate da un muro marino e trasportate fino a 180 m nell'entroterra. I danni in altre parti dell'Isola delle Hawaii furono limitati alle coste occidentali e meridionali, dove circa una dozzina di edifici, principalmente di costruzione a telaio, furono fatti galleggiare dalle loro fondamenta, frantumati o allagati. Ci furono mezzo milione di dollari di danni sulla sola costa di Kona. Sei case furono distrutte a Napoopoo.

A Maui il danno fu concentrato nell'area di Kahului sulla costa nord. Furono demoliti un magazzino e una mezza dozzina di case, e altri magazzini, magazzini, uffici e case e il loro contenuto furono danneggiati. Una chiesa galleggiava a 6,1 m di distanza dalla sua fondazione. Altri edifici furono danneggiati a Paukukalo, appena fuori e ad ovest del porto.

A Spreckelsville e Paia, a est di Kahului, le case furono danneggiate e una casa in ogni luogo fu demolita. Ulteriori danni si sono verificati a Kihei sulla costa meridionale e Lahaina sulla costa occidentale. Sull'isola di Molokai ci furono alcuni danni alle case, agli stagni per i pesci e alle strade, e un beachhouse fu demolito sull'isola di Lanai. Le isole di Kauai e Oahu sono fuggite con solo lievi danni. Cinquanta case a Kuliouou, un sobborgo orientale di Honolulu, furono allagate e furono fatti danni per $ 250.000. Altrove su Oahu non è stato segnalato alcun danno, anche in presenza di un'inondazione di aree occupate dalle case. A Kauai, per quanto è noto, l'unico danno consisteva nel fatto che un edificio a telaio veniva fatto galleggiare al largo delle sue fondamenta sulla costa meridionale. "

Danno dello tsunami al Corral: Danni provocati dallo tsunami a Corral, in Cile. Gli edifici che occupavano questo sito furono respinti contro le colline dallo tsunami, e alcuni furono poi portati in mare dalle acque sfuggenti. Immagine NOAA di Pierre St. Amand.

Danno subsidenza in Quellon: Questa visione è parallela a quella che era una strada sul lungomare della comunità di Quellon, in Cile. Quest'area si è ridotta di circa sei piedi durante il terremoto, allagando case a bassa quota. Immagine NOAA di Pierre St. Amand.

Maggiori informazioni
1 USGS: Terremoti storici - Cile, 22 maggio 1960
2 Sismogrammi: Cile, 22 maggio 1960 Terremoto
3 Citazioni: Cile, 22 maggio 1960 Terremoto
4 Immagini dal set di diapositive per rischi naturali NOAA

Danni in California

(Citato da: Tsunami sulla costa occidentale degli Stati Uniti. Lander, James F. e Lockridge, Patricia A., 1989, in: Tsunami degli Stati Uniti 1690-1988: Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica.)

"L'altezza delle onde più grande in California è stata misurata con il misuratore di marea di Crescent City di 1,7 m. Le onde di 1,5 m sono state osservate a Stenson Beach. L'ampiezza era più di 1,4 m a Santa Monica. L'ampiezza a Port Hueneme era di 1,3 me 1,2 a Pacifica. Lo tsunami è stato registrato ampiamente lungo la costa del Pacifico con ampiezze inferiori a 1 M. Due navi del valore di $ 30.000 sono state perse a Crescent City.

Sono stati segnalati gravi danni nei porti di Los Angeles e Long Beach. Circa 300 piccole imbarcazioni furono messe alla deriva e circa 30 affondarono, incluso uno yacht di 24 metri che si schiantò contro i pontili del ponte, disabilitando parzialmente il ponte. Lo Yacht Center ha perso 235 scali di sbarco e altri 110 sono stati distrutti presso il Colonial Yacht Anchorage e Cerritos Yacht Anchorage per una perdita di $ 300.000. Un sommozzatore, Raymond Stuart, era scomparso e presumibilmente annegato a Cabrillo Beach, ma non è stato trovato nessun certificato di morte. Nel porto le correnti stimate sono state di 22 km / ora scattate e slavate.

Molte migliaia di litri di benzina e olio si sono riversati dal ribaltamento delle barche provocando il timore di un incendio. Diverse boe e aiuti alla navigazione furono spazzati via a Terminal Island. L'atterraggio della Guardia Costiera, incluso il misuratore di marea, fu lavato a 5,6 km dal mare ma fu salvato. Un ragazzo disordinato è caduto a 6 m dal ponte della prima nave per tentare di lasciare il porto il giorno successivo. La nave tornò al porto in modo che le sue ferite potessero essere curate in ospedale. L'incidente è stato incolpato in mare mosso.

A San Diego, il servizio di traghetto è stato interrotto dopo che un traghetto carico di passeggeri si è schiantato nel molo di Coronado facendo cadere otto accatastamenti. Un secondo traghetto è stato costretto a 1,5 km fuori rotta e in una flottiglia di cacciatorpediniere ancorate. Più di 80 m di banchina furono distrutti. Una chiatta da 100 tonnellate ha speronato gli accatastamenti di cemento a sostegno del ponte Mission Bay strappando una sezione di 21 m. Una chiatta da esca di 45 m ha fracassato otto scivoli sull'atterraggio di Seaforth prima di rompersi a metà e affondare. Le correnti spazzarono 12 e 30 m galleggianti dal molo del porto di San Diego Masters su Shelter Island e spazzarono via due sezioni di attracco al Southwest Yacht Club a Point Loma.

A Santa Monica l'acqua cadde così in basso che il fondo del frangiflutti fu quasi esposto. Otto piccole linee di ormeggio si spezzarono ma furono portate al seguito. Un'impennata ha spazzato la spiaggia per oltre 91 m inondando un parcheggio appena fuori dall'autostrada della costa del Pacifico.

A Santa Barbara una chiatta di esplorazione petrolifera alla deriva ha ripetutamente speronato la nuova draga causando danni di almeno $ 10.000. Un altro $ 10.000 è stato fatto altrove, incluso il danno a 40 piccole imbarcazioni alla deriva lì. "