Records

Primo viaggio nella parte più profonda dell'oceano



Il Bathyscaphe Trieste trasportava due hydronaut allo Challenger Deep nel 1960

Bathyscaphe Trieste: Il Bathyscaphe Trieste si sollevò dall'acqua, circa 1958-59. Fotografia del Centro storico navale degli Stati Uniti.

Il 23 gennaio 1960, Jacques Piccard e Don Walsh salirono a bordo della nave da mare Bathyscaphe Trieste e scesero nella parte più profonda dell'oceano: The Challenger Deep nella fossa delle Marianne.

Dov'è la fossa delle Marianne? La Fossa delle Marianne si trova nell'Oceano Pacifico occidentale. Fu scoperto che era profondo 10.924 metri nel 1951 da ricercatori a bordo della nave da ricerca britannica Challenger. Trieste fu il primo veicolo ad esplorare la trincea con un equipaggio di due persone. Map by e MapResources.

La nave: il batiscafo Trieste

Un batiscafo (pronunciato BA-thi-skaf; significato: "nave profonda") è una nave sommergibile con una stanza sferica per la ricerca e l'osservazione. Questa camera di osservazione è fissata al fondo di un serbatoio pieno di benzina. La benzina è più galleggiante dell'acqua ed è altamente resistente alla compressione, il che la rende adatta per l'alta pressione delle immersioni in acque profonde.

Trieste (pronunciato TREE-est-a) era il nome dato al batiscafo che avrebbe fatto la storia viaggiando nel Challenger Deep il 23 gennaio 1960. Prende il nome dalla città in cui fu costruito, al confine tra l'Italia e Jugoslavia. I Trieste trasportavano gli idronauti Don Walsh e Jacques Piccard a circa 11.000 metri sott'acqua, cioè a circa 11 chilometri (o 7 miglia) nella parte più profonda dell'Oceano Pacifico.

Inizialmente gli strumenti della nave registrarono la profondità della nave a 11.521 metri, ma questa fu successivamente ricalcolata a 10.916 metri. Misurazioni più recenti indicano che il fondo del Challenger Deep si trova a circa 11.000 metri sotto il livello del mare.

Sezione trasversale della trincea di Mariana: La Fossa delle Marianne è il confine tra due placche tettoniche: la Placca del Pacifico e la Placca della Mariana. Immagine di NOAA.

La parte più profonda dell'oceano: Challenger Deep

Il punto più basso sulla superficie della crosta terrestre è sott'acqua, nell'Oceano Pacifico settentrionale occidentale. C'è un confine convergente della piastra in cui la piastra del Pacifico viene costretta a scendere nel mantello sotto la piastra Mariana. A questo tipo di confine piatto si forma una depressione allungata chiamata "trincea" - in questo caso, è la trincea di Mariana. (Vedi mappa e illustrazione.)

All'interno della Fossa delle Marianne, c'è una piccola valle che si spinge ancora più in profondità nella crosta terrestre - questo punto, chiamato Challenger Deep, è la parte più profonda dell'oceano. La distanza tra la superficie dell'oceano e il fondo del Challenger Deep (11.000 metri) è maggiore dell'altezza del Monte Everest (8.850 metri). Ciò significa che se dovessi mettere la montagna più alta del mondo all'interno della parte più profonda dell'oceano, la cima della montagna sarebbe comunque più di 2 chilometri sott'acqua!

Don Walsh e Jacques Piccard: Il tenente Don Walsh, USN e Jacques Piccard nel batiscafo TRIESTE. Ubicazione: Fossa delle Marianne, 1960. Collezione di navi NOAA.

Gli esploratori: Don Walsh e Jacques Piccard

L'oceanografo Jacques Piccard (1922-2008) lavorò con suo padre Auguste per progettare la Trieste. Auguste Piccard, uno scienziato svizzero, aveva sperimentato i metodi di galleggiamento per i suoi voli in mongolfiera - infatti, ha battuto il record per il volo in mongolfiera più alto nel 1931-1932. Ha applicato queste conoscenze sulla galleggiabilità per progettare la Trieste. Quindi, è interessante notare che la famiglia Piccard detiene il record sia per il volo in mongolfiera più alta che per l'immersione oceanica più profonda.

L'oceanografo Don Walsh (nato nel 1931), tenente della Marina degli Stati Uniti, era l'altro esploratore nella piccola sfera di pressione del Bathyscaphe Trieste. Ha trascorso oltre 50 anni nella ricerca oceanica ed è celebrato da Vita rivista come uno dei grandi esploratori del mondo.

Il viaggio

La discesa nel Challenger Deep è durata quasi cinque ore. Quando il Bathyscaphe Trieste raggiunse il fondo del mare, Walsh e Piccard osservarono l'ambiente circostante. La luce della nave permise loro di vedere ciò che descrivevano come una "melma diatomacea" marrone scuro che copriva il fondo del mare, insieme a gamberi e alcuni pesci che sembravano somigliare a passera e suola. Poiché la finestra di visualizzazione in plexiglas si era rotta durante la discesa, gli uomini sono stati in grado di trascorrere solo una ventina di minuti sul fondo del mare. Quindi, scaricarono i reattori (nove tonnellate di pellet di ferro e serbatoi pieni d'acqua) e iniziarono a galleggiare sulla superficie dell'oceano. L'ascesa è stata molto più rapida dell'immersione, impiegando solo tre ore e quindici minuti.

Da questo viaggio monumentale, i velivoli senza equipaggio, gestiti a distanza, si sono avventurati nel Challenger Deep - come Kaiko alla fine degli anni '90 e Nereus nel 2009. Tuttavia, Jacques Piccard e Don Walsh sono ancora le uniche due persone che abbiano mai viaggiato fino in fondo della Fossa delle Marianne e vedere di persona la parte più profonda dell'oceano.