Oceanografia

Chi possiede l'Oceano Artico?



La legge del mare: Questo video fornisce una buona descrizione di base di come la legge del mare verrà utilizzata per dividere l'Oceano Artico tra diverse nazioni in competizione. Un video di YouTube dal canale Al Jazeera.

Un tesoro di risorse energetiche e minerali

Chi possiede l'Oceano Artico e qualsiasi risorsa che potrebbe essere trovata sotto quelle acque? Questa domanda ha un enorme significato economico. L'indagine geologica degli Stati Uniti stima che fino al 25% delle rimanenti risorse mondiali di petrolio e gas naturale potrebbe essere trattenuto nel fondale marino della regione artica. Potrebbero anche essere presenti quantità significative di altre risorse minerali. Il controllo delle risorse dell'Artico è un premio estremamente prezioso. Queste risorse diventano più accessibili quando il riscaldamento globale scioglie il ghiaccio marino e apre la regione alla navigazione commerciale.

La legge del mare: Questo video fornisce una buona descrizione di base di come la legge del mare verrà utilizzata per dividere l'Oceano Artico tra diverse nazioni in competizione. Un video di YouTube dal canale Al Jazeera.

Dati sismici sul fondo marino artico

Raccolta di dati sismici sul fondo marino nell'Artico.

La libertà dei mari

Dal diciassettesimo secolo una dottrina della "libertà dei mari" è stata accettata dalla maggior parte delle nazioni. Questa dottrina limitava i diritti e la giurisdizione di una nazione alla stretta area del mare lungo la costa della nazione. Il resto dell'oceano era considerato proprietà comune che poteva essere utilizzata da chiunque. Questo prima che qualcuno avesse la possibilità di sfruttare le risorse offshore.

Poi, a metà del 1900, i timori che le flotte da pesca a lunga distanza stessero esaurendo gli stock ittici costieri hanno suscitato in alcune nazioni il desiderio di avere un maggiore controllo sulle loro acque costiere. Quindi le compagnie petrolifere sono diventate in grado di perforare in acque profonde e le idee per l'estrazione dei noduli di manganese, diamanti e sabbie contenenti stagno hanno iniziato a sembrare possibili. Qualsiasi nazione che rivendicasse una maggiore distanza dalla costa rivendicava anche preziose risorse del fondo marino.

Mappa politica del Mar Glaciale Artico

Versione più grande: Arctic Ocean Political Map

Reclami unilaterali

Nel 1945, gli Stati Uniti annunciarono di assumere la giurisdizione di tutte le risorse naturali al limite della sua piattaforma continentale. Questa è stata la prima nazione a discostarsi dalla dottrina della libertà dei mari e altre nazioni hanno seguito rapidamente. Le nazioni iniziarono a presentare richieste unilaterali a risorse di fondali marini, zone di pesca e zone navigabili esclusive.

Mappa batimetrica dell'Oceano Artico

Mappa batimetrica dell'Oceano Artico - Mappa delle caratteristiche del fondale marino dell'Oceano Artico

Una nuova "legge del mare"

Le Nazioni Unite hanno cercato di portare ordine ed equità nella diversità delle affermazioni avanzate dalle nazioni di tutto il mondo. Nel 1982 fu presentato un trattato delle Nazioni Unite noto come "La legge del mare". Ha affrontato i diritti di navigazione, i limiti delle acque territoriali, le zone economiche esclusive, la pesca, l'inquinamento, la perforazione, l'estrazione mineraria, la conservazione e molti altri aspetti dell'attività marittima. Con oltre 150 nazioni partecipanti, è stato il primo tentativo da parte della comunità internazionale di stabilire un accordo formale su come usare i mari. Propone inoltre un'allocazione logica delle risorse oceaniche.

Mappa delle province del petrolio e del gas naturale dell'Artico

Mappa delle province del petrolio e del gas naturale dell'Artico: oltre l'87% delle risorse petrolifere e di gas naturale dell'Artico (circa 360 miliardi di barili di petrolio equivalente) si trova in sette province del bacino artico: Bacino di Amerasian, Bacino dell'Artico dell'Alaska, Bacino di East Barents, Bacino di Rift della Groenlandia orientale , Bacino della Groenlandia occidentale-Canada orientale, Bacino della Siberia occidentale e Bacino di Yenisey-Khatanga. Map by e MapResources.

Zone economiche esclusive

Secondo la Legge del Mare, ogni paese riceve diritti economici esclusivi per qualsiasi risorsa naturale presente sul fondo del mare o al di sotto di essa ad una distanza di 200 miglia nautiche (371 chilometri) oltre le sue coste naturali. Nell'Artico, ciò offre a Canada, Stati Uniti, Russia, Norvegia e Danimarca un reclamo legale per estese aree del fondo marino che potrebbero contenere risorse preziose. (Dall'aprile 2012, gli Stati Uniti non avevano ancora ratificato il trattato sulla legge del mare. Coloro che si sono opposti alla ratifica affermano che ciò limiterebbe la sovranità degli Stati Uniti).

L'Unità di ricerca sui confini internazionali dell'Università di Durham ha preparato una mappa che mostra la potenziale giurisdizione marittima e i confini della regione artica se il trattato sulla legge del mare sarà pienamente applicato.

Ghiaccio marino artico

Immagine di Landsat del ghiaccio marino artico. Gran parte dell'Artico è coperto di ghiaccio, ma il riscaldamento globale sta riducendo lo spessore e l'estensione. Credito d'immagine: NASA.

Aree di scaffali continentali

Oltre alla zona economica di 200 miglia nautiche, ogni paese può estendere la propria richiesta fino a 350 miglia nautiche dal suo litorale per quelle aree che possono essere dimostrate essere un'estensione della piattaforma continentale di quel paese. Per fare questa affermazione, una nazione deve acquisire dati geologici che documentano l'estensione geografica della sua piattaforma continentale e sottoporli a un comitato delle Nazioni Unite per l'esame. La maggior parte dei paesi con una potenziale pretesa per l'Artico sta attualmente mappando il fondale marino per documentare la propria richiesta.

Riferimenti sull'Oceano Artico
1 Risorse petrolifere e di gas naturale dell'Artico:, articolo del sito web, 2011.
2 Minimo di ghiaccio nell'oceano artico: Osservatorio della Terra della NASA, articolo e immagini del sito Web, settembre 2012.
3 oceano Artico: World Factbook, Central Intelligence Agency, articolo e mappa del sito web. Ultimo accesso gennaio 2017.
4 Carta batimetrica internazionale del Mar Glaciale Artico: Prodotto da ricercatori che rappresentano la Commissione oceanografica intergovernativa (IOC), l'International Arctic Science Committee (IASC), l'International Hydrographic Organization (IHO), l'US Office of Naval Research (ONR) e il National Geophysical Data Center (NGDC) degli Stati Uniti . Mappa accessibile ad aprile 2012.
5 La Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare: Divisione delle Nazioni Unite per gli affari oceanici e il diritto del mare. Dicembre 1982.
6 Giurisdizione marittima e confini nella regione artica: Unità di ricerca sui confini internazionali, mappa e note pubblicate dalla Durham University, dicembre 2011.

Chi possiede la cresta di Lomonosov?

Una caratteristica dell'Oceano Artico che è di particolare nota è la Lomonosov Ridge, una dorsale sottomarina che attraversa l'Oceano Artico tra le Nuove Isole Siberiane e l'isola Ellesmere. La Russia sta cercando di documentare che la cresta di Lomonosov è un'estensione della piattaforma continentale asiatica, mentre il Canada e la Danimarca (per quanto riguarda la Groenlandia) stanno cercando di documentare che si tratta di un'estensione della piattaforma continentale nordamericana. Qualsiasi paese in grado di stabilire con successo un simile reclamo acquisirà il controllo di una grande quantità di risorse del fondo marino nella parte centrale dell'Oceano Artico.

In attesa

In futuro, con l'innalzamento del livello del mare, le coste attuali migreranno verso l'interno e la zona economica di 200 miglia nautiche si sposterà verso l'interno. Nelle zone con terra costiera in leggera pendenza, questo avanzamento verso terra del mare potrebbe essere una distanza significativa. Forse quelle nazioni dovrebbero prima sfruttare le loro risorse più verso il mare?

In sintesi, il trattato sul diritto del mare concede significative parti sottomarine dell'Artico a Canada, Stati Uniti, Russia, Norvegia e Danimarca. Queste nazioni ottengono il diritto alle risorse naturali sopra, sotto e sotto il fondo dell'oceano fino a 200 miglia dalla loro costa. Possono anche estendere la loro richiesta fino a 350 miglia dalla costa per qualsiasi area che si è dimostrata parte della loro piattaforma continentale. Tutte queste nazioni hanno guadagnato importanti risorse di petrolio e gas naturale a seguito di questo trattato.