Oceanografia

Mappe dello tsunami nell'Oceano Indiano



Mappe dei tempi di viaggio dello Tsunami nell'Oceano Indiano


Mappe composte da NOAA utilizzando Tsunami Travel Time Software.
Krakatau - 27 agosto 1883

L'esplosione del vulcano Krakatau in Indonesia il 27 agosto 1883, generò uno tsunami di 30 metri nello stretto di Sunda che uccise circa 36.000 persone. Ha anche causato un'onda di pressione atmosferica che è stata registrata sugli indicatori di marea in località remote tra cui l'isola della Georgia del sud, Panama, Francia, Inghilterra, Alaska, Hawaii e San Francisco. A causa dell'ombra da parte di continenti e gruppi di isole, uno tsunami diretto non avrebbe potuto raggiungere la maggior parte di questi luoghi. Si sono verificate onde gravitazionali atmosferiche che possono aver eccitato le onde d'acqua trasferendo energia nell'oceano. Fu registrato con un'ampiezza di sei pollici a Sausalito, in California. Immagine NOAA. Visualizza la mappa più grande.

Zona di subduzione e terremoti esplosivi vulcanici

Alcuni degli tsunami più micidiali del mondo sono stati prodotti sul bordo dell'Oceano Indiano. Lo tsunami del 26 dicembre 2004 che ha ucciso oltre 250.000 persone è stato prodotto da un terremoto nella zona di subduzione sulla costa occidentale di Sumatra, in Indonesia. Il 27 agosto 1883 un'esplosione al vulcano Krakatau nel Sunda Straight dell'Indonesia produsse uno tsunami che uccise circa 36.000 persone. Le mappe in questa pagina mostrano i tempi di percorrenza approssimativi per ciascuno di questi tsunami.

Sumatra, Indonesia - 26 dicembre 2004

Un terremoto di magnitudo 9,4 Mw si è verificato al largo della costa occidentale di Sumatra, in Indonesia, il 26 dicembre 2004. È stato il quarto terremoto più grande del mondo dal 1900 e il più grande dal terremoto del 1964 del Principe William Sound, Alaska. Il terremoto ha generato uno tsunami che ha causato più vittime di qualsiasi altro nella storia registrata. Lo tsunami è stato registrato quasi in tutto il mondo sugli indicatori di marea negli oceani Indiano, Pacifico e Atlantico. In totale, sono state uccise oltre 283.100 persone, 14.1000 sono ancora elencate come disperse e 1.126.900 sono state sfollate dal terremoto e dal conseguente tsunami in 10 paesi dell'Asia meridionale e dell'Africa orientale. Immagine NOAA. Visualizza la mappa più grande.