Vulcani

Tipi di eruzioni vulcaniche



Eruzione Hawaiana

Eruzione Hawaiana. In un'eruzione hawaiana, la lava fluida viene espulsa da uno sfiato mentre fontane di fuoco o flussi di lava. L'eruzione del 1969 a Mauna Ulu, uno sfogo del vulcano Kilauea alle Hawaii, fu uno spettacolare esempio di fontana del fuoco. Foto di D.A. Swanson, USGS, 22 agosto 1969. Ingrandisci immagine

Eruzioni vulcaniche

Il tipo più comune di eruzione vulcanica si verifica quando il magma (il termine per lava quando si trova sotto la superficie terrestre) viene rilasciato da uno sfogo vulcanico. Le eruzioni possono essere effusive, in cui la lava scorre come un liquido denso, appiccicoso o esplosivo, in cui la lava frammentata esplode da uno sfiato. In eruzioni esplosive, la roccia frammentata può essere accompagnata da cenere e gas; nelle eruzioni effusive, il degasaggio è comune ma la cenere di solito non lo è.

I vulcanologi classificano le eruzioni in diversi tipi. Alcuni sono chiamati per particolari vulcani in cui il tipo di eruzione è comune; altri riguardano la forma risultante dei prodotti eruttivi o il luogo in cui si verificano le eruzioni. Ecco alcuni dei tipi più comuni di eruzioni:

Eruzione Hawaiana

In un'eruzione hawaiana, la lava basaltica fluida viene lanciata in aria in getti da uno sfiato o una linea di prese d'aria (una fessura) in cima o sul fianco di un vulcano. I getti possono durare per ore o addirittura giorni, un fenomeno noto come fontana del fuoco. Gli schizzi creati da pezzi di lava calda che cadono dalla fontana possono fondersi e formare flussi di lava o costruire colline chiamate coni di schizzi. I flussi di lava possono anche provenire da prese d'aria contemporaneamente al verificarsi della fontana o durante i periodi in cui la fontana si è fermata. Poiché questi flussi sono molto fluidi, possono viaggiare a miglia dalla loro sorgente prima di raffreddarsi e indurirsi.

Le eruzioni hawaiane prendono il nome dal vulcano Kilauea sulla Big Island delle Hawaii, che è famosa per la produzione di spettacolari fontane di fuoco. Due esempi eccellenti di questi sono l'eruzione Mauna Ulu del 1969-1974 sul fianco del vulcano e l'eruzione del 1959 del cratere Iki Kilauea sulla cima del Kilauea. In entrambe queste eruzioni, le fontane di lava hanno raggiunto altezze di oltre mille piedi.

Eruzione Stromboliana

Eruzione Stromboliana. Brevi scoppi di lava incandescente, creati dallo scoppio di grandi bolle di gas all'uscita della vetta di un vulcano, caratterizzano un'eruzione stromboliana. Questa foto, tratta dalla cima dello Stromboli, un vulcano delle Isole Eolie, in Italia, mostra un classico esempio di questa attività. Foto

Cosa determina il tipo di eruzione
Il contenuto di cristalli e gas e la temperatura di un magma aiutano a determinare lo stile di eruzione di un vulcano.
- I cristalli di magma lo rendono più viscoso, quindi il magma con un alto contenuto di cristalli ha maggiori probabilità di esplodere rispetto al flusso.
- I gas creano esplosioni se non riescono facilmente a sfuggire al magma viscoso, ma possono anche essere rilasciati senza esplosioni (o solo con minori) dal magma fluido.
- I magmi ad alta temperatura di solito esplodono in modo efficace, mentre i magmi a bassa temperatura non possono fluire facilmente e hanno maggiori probabilità di esplodere in modo esplosivo.

Eruzione Stromboliana

Le eruzioni stromboliane sono distinte esplosioni di lava fluida (di solito basalto o andesite basaltica) dalla bocca di un condotto sommitale riempito di magma. Le esplosioni di solito si verificano ogni pochi minuti a intervalli regolari o irregolari. Le esplosioni di lava, che possono raggiungere altezze di centinaia di metri, sono causate dallo scoppio di grandi bolle di gas, che viaggiano verso l'alto nel condotto riempito di magma fino a raggiungere l'aria aperta.

Questo tipo di eruzione può creare una varietà di forme di prodotti eruttivi: schizzi o globi induriti di lava vetrosa; scoria, che sono pezzi induriti di lava frizzante; bombe di lava, o pezzi di lava da pochi cm a pochi m di dimensioni; cenere; e piccoli flussi di lava (che si formano quando gli schizzi caldi si fondono e fluiscono verso il basso). I prodotti di un'eruzione esplosiva sono spesso chiamati collettivamente tephra.

Le eruzioni stromboliane sono spesso associate a piccoli laghi di lava, che possono accumularsi nei condotti dei vulcani. Sono una delle meno violente delle eruzioni esplosive, sebbene possano ancora essere molto pericolose se bombe o flussi di lava raggiungono le aree abitate. Le eruzioni stromboliane prendono il nome dal vulcano che costituisce l'isola italiana di Stromboli, che ha diverse prese d'aria in eruzione. Queste eruzioni sono particolarmente spettacolari di notte, quando la lava brilla intensamente.

Eruzione Vulcaniana

Eruzione vulcaniana. Esplosioni relativamente piccole ma violente di lava viscosa creano colonne di cenere e gas e flussi piroclastici occasionali, come si vede in questa eruzione del complesso della cupola vulcanica di Santiaguito in Guatemala. Foto di Jessica Ball, 15 marzo 2009.

Eruzione Vulcaniana

Un'eruzione vulcaniana è un'esplosione breve, violenta, relativamente piccola di magma viscoso (di solito andesite, dacite o riolite). Questo tipo di eruzione deriva dalla frammentazione e dall'esplosione di una spina di lava in un condotto vulcanico o dalla rottura di una cupola di lava (lava viscosa che si accumula su uno sfiato). Le eruzioni vulcaniane creano potenti esplosioni in cui il materiale può viaggiare più velocemente di 350 metri al secondo (800 mph) e sollevarsi nell'aria per diversi chilometri. Producono tephra, nuvole di cenere e correnti di densità piroclastica (nuvole di cenere calda, gas e roccia che scorrono quasi come fluidi).

Le eruzioni vulcaniane possono essere ripetitive e andare avanti per giorni, mesi o anni, oppure possono precedere eruzioni esplosive ancora più grandi. Prendono il nome dall'isola italiana di Vulcano, dove un piccolo vulcano che ha sperimentato questo tipo di eruzione esplosiva si pensava fosse lo sfogo sopra la fucina del dio fabbro romano Vulcano.

Eruzione Pliniana

Eruzione del plinain. La più grande e violenta di tutte le eruzioni esplosive, le eruzioni Pliniane inviano colonne di roccia polverizzata, cenere e gas che si innalzano nell'atmosfera in pochi minuti. Mount St. Helens nello stato di Washington ha subito un'eruzione pliniana a seguito di un grave crollo del fianco nel 1980. Foto di Austin Post, USGS, 18 maggio 1980. Ingrandisci immagine

Eruzione Pliniana

Il più grande e violento di tutti i tipi di eruzioni vulcaniche sono le eruzioni pliniane. Sono causati dalla frammentazione del magma gassoso e di solito sono associati a magmi molto viscosi (dacite e riolite). Rilasciano enormi quantità di energia e creano colonne di eruzione di gas e ceneri che possono salire fino a 50 km (35 miglia) di altezza a velocità di centinaia di metri al secondo. La cenere di una colonna eruttiva può andare alla deriva o essere spazzata via a centinaia o migliaia di miglia dal vulcano. Le colonne eruttive di solito hanno la forma di un fungo (simile a un'esplosione nucleare) o di un pino italiano; Plinio il Giovane, uno storico romano, fece il confronto mentre osservava l'eruzione del Vesuvio del 79 d.C., e le eruzioni di Pliniano prendono il nome da lui.

Le eruzioni pliniane sono estremamente distruttive e possono persino cancellare l'intera cima di una montagna, come accadde sul Monte Sant'Elena nel 1980. Possono produrre cadute di cenere, scorie e bombe di lava a miglia di distanza dal vulcano e correnti di densità piroclastica che rasa al suolo le foreste , spoglia il terreno dal substrato roccioso e cancella ogni cosa sul suo cammino. Queste eruzioni sono spesso climatiche e un vulcano con una camera magmatica svuotata da una grande eruzione pliniana può successivamente entrare in un periodo di inattività.

Lava Dome

Cupola di lava Le cupole di lava, come questo esempio nel cratere del Monte Sant'Elena, sono pile di lava viscosa che sono troppo fresche e appiccicose per fluire lontano. Le cupole crescono e collassano a cicli e spesso si formano su vulcani che subiscono anche eruzioni pliniane. Foto di Lyn Topinka, USGS, 12 agosto 1985. Ingrandisci immagine

Lava Domes

Le cupole di lava si formano quando la lava molto viscosa e ruvida (di solito andesite, dacite o riolite) viene espulsa da uno sfiato senza esplodere. La lava si accumula in una cupola, che può crescere gonfiandosi dall'interno o schiacciando i lobi di lava (qualcosa come il dentifricio che esce da un tubo). Questi lobi di lava possono essere corti e screpolati, lunghi e sottili o addirittura formare punte che si innalzano per decine di metri nell'aria prima che cadano. Le cupole di lava possono essere pile di roccia arrotondate, a forma di pancake o irregolari, a seconda del tipo di lava da cui si formano.

Le cupole laviche non sono solo pile passive di roccia; a volte possono collassare e formare correnti di densità piroclastica, estrudere flussi di lava o sperimentare piccole e grandi eruzioni esplosive (che possono persino distruggere le cupole!) Un'eruzione di costruzione di una cupola può andare avanti per mesi o anni, ma di solito sono ripetitivi (il che significa che un vulcano costruirà e distruggerà diverse cupole prima che l'eruzione cessi). Il ridotto vulcano in Alaska e Chaiten in Cile sono attualmente esempi attivi di questo tipo di eruzione, e il Monte Sant'Elena nello stato di Washington ha trascorso diversi anni a costruire diverse cupole di lava.

Eruzione di Surtseyan

Eruzione di Surtseyan. La lava che esplode nell'acqua crea i drammatici pennacchi di scoria e le fluttuanti nuvole di cenere e gas di un'eruzione di Surtseyan. L'esempio tipo di questa eruzione si è verificato a Surtsey, un'isola vulcanica al largo della costa islandese. Immagine NOAA dell'eruzione del 1963. Ingrandisci immagine

Eruzione di Surtseyan

Le eruzioni di Surtseyan sono una specie di eruzione idromagmatica, in cui magma o lava interagiscono in modo esplosivo con l'acqua. Nella maggior parte dei casi, le eruzioni di Surtseyan si verificano quando un vulcano sottomarino è finalmente diventato abbastanza grande da rompere la superficie dell'acqua; perché l'acqua si espande quando si trasforma in vapore, l'acqua che viene a contatto con lava calda esplode e crea pennacchi di cenere, vapore e scoria. Le lava create da un'eruzione di Surtseyan tendono ad essere basaltiche, poiché la maggior parte dei vulcani oceanici sono basaltici.

Il classico esempio di eruzione di Surtseyan è stata l'isola vulcanica di Surtsey, che è scoppiata al largo della costa meridionale dell'Islanda tra il 1963 e il 1965. L'attività idromagmatica ha accumulato diversi chilometri quadrati di tefra nei primi mesi dell'eruzione; alla fine, l'acqua di mare non riuscì più a raggiungere lo sfogo e l'eruzione passò agli stili hawaiano e stromboliano. Più recentemente, nel marzo 2009, hanno iniziato a esplodere diverse prese d'aria dell'isola vulcanica di Hunga Ha'apai vicino a Tonga. Le esplosioni onshore e offshore hanno creato pennacchi di cenere e vapore che sono saliti a oltre 8 km (5 miglia) di altitudine, e hanno lanciato pennacchi di tefra a centinaia di metri dalle prese d'aria.

Risorse sulle eruzioni vulcaniche
Bardintzeff, J.-M. e McBirney, A.R., 2000, Vulcanologia: Massachusetts, Jones & Bartlett Publishers, 268 p.
Schminke, H.-U., 2004, vulcanismo: Berlino, Springer, 324 p.
McNutt, S.R., Rymer, H. e Stix, J. (a cura di), 1999, Encyclopedia of Volcanoes: San Diego, CA Academic Press, 1456 p.
Gates, A.E. e Ritchie, D., 2007, Encyclopedia of Earthquakes and Volcanoes, Third Edition: New York, NY, Checkmark Books, 346 p.

Circa l'autore

Jessica Ball è una studentessa laureata presso il Dipartimento di Geologia della State University di New York a Buffalo. La sua concentrazione è in vulcanologia e attualmente sta studiando il collasso della cupola di lava e i flussi piroclastici. Jessica ha conseguito la laurea in scienze presso il College of William and Mary e ha lavorato per un anno presso l'American Geological Institute nel programma Education / Outreach. Scrive anche il blog Magma Cum Laude, e in quanto tempo libero le rimane, le piace arrampicare su roccia e suonare vari strumenti a corda.

Guarda il video: I tipi di eruzione tratto da Il Globo terrestre e la sua evoluzione (Giugno 2020).