Di Più

Mappa delle caratteristiche del fondale marino dell'Oceano Artico



Bacini principali, creste, mensole e batimetria


Mappa delle caratteristiche del fondale marino dell'Oceano Artico: Carta batimetrica internazionale dell'Oceano Artico annotata con i nomi delle caratteristiche dei fondali marini.

Passaggio nord-ovest - Rotta del Mare del Nord: Mappa che mostra l'estensione geografica dell'Oceano Artico (come una tinta blu più scura). Il passaggio a nord-ovest e la rotta del Mare del Nord sono due importanti corsi d'acqua stagionali che collegano l'Atlantico e l'Oceano Pacifico. Negli ultimi anni la calotta polare si è assottigliata, consentendo una maggiore navigazione attraverso queste rotte e aumentando la possibilità di future sovranità e controversie marittime tra i paesi che si affacciano sull'Oceano Artico. Immagine della Central Intelligence Agency.

Oceano Artico: storia e ora

L'Oceano Artico ha avuto un ruolo secondario nella storia del mondo. La copertura del ghiaccio ostacola gravemente la navigazione; l'area è remota; non c'è quasi nessuna infrastruttura; gli inverni sono bui e molto freddi; i giorni estivi sono brevi e nebbiosi. Queste sfide rendono l'Oceano Artico un'area ostile e difficile.

Oggi siamo in un momento in cui l'interesse per l'Oceano Artico cresce costantemente. Un clima caldo si sta assottigliando e riducendo il pacchetto di ghiaccio polare per consentire una maggiore navigazione. Nuove valutazioni di petrolio e gas hanno rivelato un'enorme risorsa energetica. E, il trattato sul diritto del mare ha motivato le nazioni a definire chiaramente la loro zona economica esclusiva nell'Oceano Artico.

Il nuovo interesse per l'Oceano Artico non è limitato alla sua superficie; si estende fino in fondo dove sono necessarie informazioni sulla sua struttura da geologi, oceanografi, biologi e altre persone che vi lavorano. Le principali caratteristiche fisiche del fondo marino dell'Oceano Artico sono etichettate sulla mappa batimetrica sopra e descritte nei paragrafi seguenti. Altre mappe in questa pagina illustrano le funzionalità di risorse di navigazione, fisiche e minerali.

Geografia dell'Oceano Artico

L'Oceano Artico ha una superficie di circa 14.056 milioni di chilometri quadrati (5.427 milioni di miglia quadrate), rendendolo il più piccolo dei cinque oceani della Terra. Baffin Bay, Barents Sea, Beaufort Sea, Chukchi Sea, East Siberian Sea, Greenland Sea, Hudson Bay, Hudson Straight, Kara Sea e Laptev Sea sono generalmente considerati parte dell'Oceano Artico. È collegato all'Oceano Pacifico attraverso lo Stretto di Bering e collegato all'Oceano Atlantico attraverso il Mare di Labrador e il Mare di Groenlandia.

Ghiaccio marino nell'Oceano Artico: Nel settembre 2011, il ghiaccio marino che copre l'Oceano Artico è diminuito nella seconda misura più bassa mai registrata. In questa immagine, le aree coperte di ghiaccio variano di colore dal bianco (massima concentrazione) al blu chiaro (minima concentrazione). L'acqua aperta è blu scuro e le masse terrestri sono grigie. Il contorno giallo mostra l'estensione minima del ghiaccio mediana per il periodo 1979-2000 (aree coperte da ghiaccio almeno per il 15% in almeno la metà degli anni tra il 1979 e il 2000). Ingrandisci l'immagine. Informazioni su immagini e didascalie dell'Osservatorio della Terra della NASA 3.

Cresta di Lomonosov

La caratteristica topografica dominante del fondo marino dell'Oceano Artico è la cresta di Lomonosov. Si ritiene che questa caratteristica faccia parte della crosta continentale eurasiatica che si è spaccata dal margine del Mare di Barents-Kara e si è attenuata all'inizio del Terziario (circa 64-56 milioni di anni fa). Il lato della cresta che affronta l'Eurasia è delimitato da difetti a metà graben e il lato rivolto verso il Nord America è leggermente inclinato.

La cresta di Lomonosov attraversa l'Oceano Artico dallo scaffale Lincoln (al largo dell'isola di Ellesmere e della Groenlandia) fino alle nuove isole siberiane al largo della costa della Russia settentrionale. Divide l'Oceano Artico in due grandi bacini: il bacino eurasiatico sul lato eurasiatico della cresta e il bacino amerasico sul lato nordamericano. Sorge a oltre 3000 metri sopra i piani di questi bacini e nel suo punto più alto è a circa 954 metri sotto il livello del mare. Fu scoperto dagli scienziati russi nel 1948.

Nel 1982 fu presentato un trattato delle Nazioni Unite noto come "La legge del mare". Ha affrontato i diritti di navigazione, i limiti delle acque territoriali, le zone economiche esclusive, la pesca, l'inquinamento, la perforazione, l'estrazione mineraria, la conservazione e molti altri aspetti dell'attività marittima. È stato il primo tentativo da parte della comunità internazionale di stabilire un accordo formale su un'allocazione logica delle risorse oceaniche. Secondo la Legge del Mare, ogni paese riceve diritti economici esclusivi per qualsiasi risorsa naturale presente sul fondo del mare o al di sotto di essa ad una distanza di 200 miglia nautiche oltre le sue coste naturali. Oltre alla zona economica di 200 miglia nautiche, ogni paese può estendere la propria richiesta fino a 350 miglia nautiche per quelle aree che possono essere dimostrate come un'estensione della piattaforma continentale di quel paese.

Le nazioni potrebbero usare il trattato "Legge del mare" per determinare chi possiede il fondo marino dell'Oceano Artico. La Russia ha presentato alle Nazioni Unite la pretesa che la cresta di Lomonosov è un'estensione dell'Eurasia e che autorizza la Russia ad una estesa zona economica esclusiva. Canada e Danimarca fanno affermazioni simili per estendere il loro controllo dalla parte opposta dell'Oceano Artico.

Mappa delle province del petrolio e del gas naturale dell'Artico: Oltre l'87% delle risorse petrolifere e di gas naturale dell'Artico (circa 360 miliardi di barili di petrolio equivalente) si trova in sette province del bacino artico: Bacino Amerasiano, Bacino dell'Artico dell'Alaska, Bacino dell'East Barents, Bacino del Rift della Groenlandia orientale, Bacino della Groenlandia occidentale-Canada orientale, Bacino della Siberia occidentale e Bacino di Yenisey-Khatanga. Map by e MapResources.

Bacini amerasici ed eurasiatici

La cresta di Lomonosov divide il fondo dell'Oceano Artico in due grandi bacini. Il bacino eurasiatico si trova sul lato eurasiatico della cresta Lomonosov, e il bacino amerasico si trova sul lato nordamericano della cresta Lomonosov.

I bacini di Amerasian ed Eurasian sono stati suddivisi da creste. La cresta Gakkel, un centro di diffusione responsabile della frattura del blocco Lomonosov dal continente euroasiatico, divide il bacino eurasiatico nel bacino di Fram sul lato Lomonosov della cresta e il bacino di Nansen sul lato continente eurasiatico. L'Alpha Ridge divide il bacino Amerasian nel bacino del Canada sul lato nordamericano della cresta e il bacino Makarov sul lato Lomonosov della cresta.

Scaffali continentali

Il bacino amerasico e il bacino eurasiatico sono circondati da ampie piattaforme continentali. Questi includono lo scaffale Chukchi e lo scaffale Beaufort lungo il Nord America; la mensola Lincoln lungo la Groenlandia settentrionale; lo scaffale Barents, lo scaffale Kara, lo scaffale Laptev e lo scaffale della Siberia orientale lungo l'Eurasia.

Si ritiene che enormi quantità di gas naturale si trovino sotto lo scaffale Barents e lo scaffale Kara come parti della provincia petrolifera di East Barents e della provincia petrolifera della Siberia occidentale. Si ritiene che petrolio e gas naturale si trovino al di sotto di parti significative dello scaffale Chukchi, dello scaffale Beaufort e del bacino del Canada come parte della provincia petrolifera artica dell'Alaska e della provincia petrolifera dell'Amerasia (vedi mappa).

Riferimenti sull'Oceano Artico
1 Risorse petrolifere e di gas naturale dell'Artico:, articolo del sito web, 2011.
2 Chi possiede l'Oceano Artico? , articolo del sito Web, 2008.
3 Ghiaccio marino nell'Oceano Artico Minimo 2011: NASA Earth Observatory, articolo del sito web, settembre 2011.
4 oceano Artico: World Factbook, Central Intelligence Agency, articolo e mappa del sito Web, ultimo accesso a settembre 2016.
5 Carta batimetrica internazionale del Mar Glaciale Artico: Prodotto da ricercatori che rappresentano la Commissione oceanografica intergovernativa (IOC), l'International Arctic Science Committee (IASC), l'International Hydrographic Organization (IHO), l'US Office of Naval Research (ONR) e il National Geophysical Data Center (NGDC) degli Stati Uniti . Mappa accessibile ad aprile 2012.
6 La Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare: Divisione delle Nazioni Unite per gli affari oceanici e il diritto del mare. Dicembre 1982.
7 Giurisdizione marittima e confini nella regione artica: Unità di ricerca sui confini internazionali, mappa e note pubblicate dalla Durham University, dicembre 2011.

Bacini Rift

La Groenlandia è affiancata da due bacini di spaccatura: il bacino della Rift della Groenlandia orientale e il bacino della Rift della Groenlandia occidentale. Questi bacini collegano l'Oceano Artico con l'Oceano Atlantico. Ognuno di questi bacini è ritenuto essere sostenuto da una significativa risorsa di petrolio e gas naturale.

Navigazione attraverso l'Oceano Artico

Due canali di navigazione potenzialmente importanti passano attraverso l'Oceano Artico (vedi mappa). Il passaggio a nord-ovest è una rotta marittima che collega l'Oceano Pacifico all'Oceano Atlantico attraverso la costa settentrionale del Nord America e attraverso l'arcipelago artico canadese. La rotta del Mare del Nord è una rotta simile che collega l'Oceano Atlantico all'Oceano Pacifico attraverso la costa settentrionale del continente euroasiatico.

Entrambe queste rotte sono state praticamente impraticabili in passato perché sono coperte da uno spesso ghiaccio marino per tutto l'anno. Tuttavia, negli ultimi anni sono stati relativamente liberi dal ghiaccio per alcune settimane (vedi mappa) e hanno attratto una piccola quantità di spedizioni commerciali. Ognuna di queste rotte taglia migliaia di miglia al largo di un viaggio dall'Atlantico al Pacifico. Entrambe le rotte affrontano problemi giurisdizionali e domande su chi ha il diritto di usarle e in quali condizioni.